Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 21 novembre 2013 alle ore 16:49.

My24
(Corbis)(Corbis)

Per la prima volta nei suoi 150 anni di storia 'the tube', la metropolitana di Londra, rimarrà' aperta anche la notte. Avverrà solo nei weekend -il venerdì e il sabato- e solamente sulle linee più centrali, ma la rivoluzione che avrà inizio nel 2015 è destinata a lasciare il segno. Non si tratta però dell'unica novità annunciata da London Underground.

Sempre a partire dal 2015, gran parte dei 'ticket office', le biglietterie presenti nelle stazioni, spariranno a beneficio dei moderni sistemi elettronici di pagamento, compresi quelli con carte di credito e bancomat.

Questa seconda rivoluzione comporterà lo spostamento a nuove mansioni di 750 addetti alle biglietterie. Una prospettiva, riferiscono i media britannici, contro la quale i sindacati e il Partito Laburista già annunciano le barricate, temendo che in realtà si tratti dell'anticamera del licenziamento per altrettanti lavoratori.

Transport for London, l'ente responsabile dei trasporti pubblici della Greater London, la regione di Londra, ha replicato sostenendo che attualmente meno del 3% dei passeggeri fa ricorso ad una biglietteria per munirsi del titolo di viaggio necessario per salire su un treno della metropolitana.

Le linee che rimarranno completamente funzionanti il venerdì e il sabato notte saranno la Piccadilly, Victoria, Central e Jubilee, mentre la Northern Line rimarrà aperta nelle sue stazioni principali.

In futuro London Undergorund non esclude di estendere l'apertura di notte anche ad altre linee, mentre da subito la rete notturna sarà integrata con quella degli autobus.
Il sindaco di Londra Boris Johnson respinge le critiche legate ai potenziali licenziamenti e rilancia, affermando che la metropolitana londinese «in futuro avrà bisogno di ancora più personale».

Quanto all'apertura notturna durante i weekend, Johnson si dice convinto che la novità «non solo darà un impulso all'occupazione e alla nostra vibrante economia notturna, ma consoliderà ulteriormente la reputazione di Londra come la migliore metropoli del pianeta nella quale vivere, lavorare, fare turismo e investire».

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi