Italia

Battaglia nei cieli, Boeing davanti a Airbus

  • Abbonati
  • Accedi
a breve la consegna del primo A350

Battaglia nei cieli, Boeing davanti a Airbus

La battaglia nei cieli tra i grandi costruttori di jet per trasporto commerciale vede Boeing in vantaggio su Airbus al giro di boa di metà anno. Il costruttore americano nei primi sei mesi del 2014 ha ricevuto un maggior numero di ordini per nuovi aerei con più di 100 posti, e ne ha consegnato ai clienti di più del concorrente europeo.

Per il costruttore americano 499 ordini contro 290 del gruppo europeo
Il dato più sensibile per i costruttori è quello dei nuovi contratti di vendita di aerei, gli ordini, che vanno ad alimentare le linee di produzione dei prossimi anni. Nel primo semestre Boeing ha ricevuto ordini per 499 nuovi aerei, al netto delle cancellazioni o trasformazioni di contratti precedenti. Airbus ha ricevuto ordini per 290 nuovi aerei, al netto delle cancellazioni. Boeing è in netto e costante vantaggio, nonostante il recupero di Airbus, che solo in giugno ha venduto 209 aerei, ma lo stesso mese ha subito anche 120 cancellazioni. Il costruttore americano è in testa anche nella classifica delle consegne ai clienti di nuovi aerei usciti dalla fabbrica. Boeing ha consegnato 342 jet con più di 100 posti nel primo semestre. Airbus ne ha consegnati 303, inclusi 13 esemplari del superjumbo A380. Per l'intero anno Airbus prevede di confermare sostanzialmente lo stesso numero di velivoli del 2013, cioè 626 jet.

L'attesa per l'A350
La delusione maggiore per Airbus è stata la decisione di Emirates, la compagnia di Dubai che è la numero uno del Golfo persico, di cancellare un contratto per l'acquisto di 70 A350. L'A350 è il nuovo aereo per voli a lungo raggio con il quale il gruppo di Tolosa punta a contrastare il successo del Boeing 787 Dreamliner, detto l'aereo "di plastica", con la fusoliera costruita con largo uso di fibra di carbonio rispetto all'alluminio, più leggera e quindi dai consumi di carburante ridotti di oltre il 20 per cento. Il contratto cancellato da Emirates era stato firmato con Airbus nel 2007, per un valore all'epoca di 16 miliardi di dollari. Ai prezzi di listino attuale lo stesso contratto varrebbe oltre 21 miliardi di dollari. Quest'aereo non è ancora in servizio commerciale. L'A350 dovrebbe essere consegnato al primo cliente, Qatar Airways, entro la fine dell'anno.

Lo scontro si sposta a Farnborough
La battaglia tra i giganti dell'industria aeronautica si intensificherà la prossima settimana sulle piste di Farnborough, la località a Sud-Est di Londra. Dal 14 al 20 luglio si svolge il salone aerospaziale, con la presenza di tutti i grandi costruttori mondiali dell'aerospazio e difesa. I due gruppi si sfideranno a copi di annunci commerciali e di nuovi contratti. Un dirigente di Boeing, Randy Tinseth, ha accusato Airbus di aver tenuto in sospeso l'annuncio di nuovi ordini per avere un maggior impatto con gli annunci che saranno fatti nella vetrina di Farnborough. «Annunciamo gli ordini quando sono pronti», ha ribattuto un portavoce di Airbus citato da Reuters.

Il Dreamliner fa volare Alenia
A Farnborough sarà presente anche il gruppo Finmeccanica. Il gruppo italiano, con Alenia Aermacchi, ha collaborazioni industriali soprattutto con Boeing, in particolare la produzione del Boeing 787 negli stabilimenti pugliesi di Grottaglie e Foggia. In misura minore, Alenia lavora anche con Airbus per l'A380. L'incremento della produzione del 787 (ora è di 10 aerei al mese) e la rinegoziazione del contratto con Boeing compiuta l'anno scorso dall'amministratore delegato di Alenia, Giuseppe Giordo, hanno fatto lievitare i ricavi e i margini di guadagno di Alenia nel 2013 e nel primo trimestre di quest'anno.

© Riproduzione riservata