Italia

Reddito di cittadinanza, la proposta del M5s costerebbe 15 miliardi di euro

i conti dell’istat

Reddito di cittadinanza, la proposta del M5s costerebbe 15 miliardi di euro

Il costo totale del sussidio che deriverebbe dall’applicazione nel 2015 del reddito di cittadinanza, come delineato nel ddl di M5s, sarebbe di 14,9 miliardi di euro. La stima è del presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, in un’audizione. La spesa sarebbe destinata a 2 milioni e 759 mila famiglie con un reddito inferiore alla linea di povertà.

Più onerosa la versione pensata da Sel
Le previsioni fatte oggi dall’Istituto sono leggermente diverse, più basse, rispetto a quelle già fatte che si riferivano al 2012 (si ipotizzava un esborso di 15,5 miliardi) e che quindi non includevano l’effetto del bonus 80 euro. La misura, infatti, spiega l'Istat, «aumentando il reddito disponibile di una parte delle famiglie interessate dal provvedimento, riduce, la quota complessiva da erogare». Secondo i risultati della simulazione inoltre «non vi è dispersione a favore dei non poveri». Sempre secondo l’Istat, «il beneficio medio è massimo, pari a circa 12mila euro annui, per le 390 mila famiglie in condizioni di povertà più grave», mentre «si riduce a meno di di 200 euro per le 120 mila famiglie che hanno un reddito superiore all'80% della linea di povertà». L’Istat ha anche elaborato una simulazione sulla base del disegno di legge di Sel sul reddito minimo garantito. Il costo totale della proposta esaminata è nel 2015 pari a circa 23,5 miliardi di euro, concentrati sulle famiglie più povere. Infatti, prosegue Alleva, «i non poveri e le famiglie con un reddito superiore all'80% della linea di povertà relativa non avrebbero alcun beneficio». In tutto, calcola, le famiglie interessate sarebbero circa 1 milione 960mila.

Blog Grillo, Grasso calendarizzi reddito cittadinanza
«Chiediamo al presidente del Senato Grasso, che in una capigruppo si impegnò con Alberto Airola a calendarizzare in aula il nostro ddl sul reddito di cittadinanza, di farlo quanto prima (come previsto dall’articolo 53 comma 3 del Regolamento del Senato). Ogni giorno perso è un nuovo schiaffo in faccia ai 10 milioni di italiani sotto la soglia di povertà». Così il blog di Beppe Grillo subito dopo l’audizione del presidente dell’Istat sull’iniziativa del M5s sul reddito di cittadinanza. «Il reddito di cittadinanza è la priorità dell’Italia. L’Istat ha certificato che il costo per realizzarlo è di 14,9 miliardi di euro, il M5s ha trovato le risorse attraverso tagli di sprechi per finanziarlo, l’Europa ce lo chiede, manca solo la volontà dei partiti di discuterlo in Parlamento e approvarlo» si legge sul blog dove i parlamentari M5s lanciano l’appello al presidente del Senato: «Pietro Grasso mantenga quindi l'impegno, rispetti il Regolamento e provveda subito».

© Riproduzione riservata