Italia

Muore suicida in azienda il fondatore del gruppo Maschio Gaspardo

padova

Muore suicida in azienda il fondatore del gruppo Maschio Gaspardo

Una persona dalla grande umanità. Così i colleghi imprenditori ricordano Egidio Maschio, industriale della meccanica, morto suicida nella sua azienda di Cadoneghe, nel Padovano. Il presidente di Maschio Gaspardo, azienda di macchine per l'agricoltura conosciuta in tutto il mondo, si è tolto la vita sparandosi un colpo di fucile al petto. È stato un dipendente, arrivato in azienda poco dopo le sette, a scoprire l'accaduto.

L'imprenditore di 73 anni, cofondatore del gruppo industriale assieme al fratello Giorgio e artefice della straordinaria e recentissima crescita dell'azienda, che ha raggiunto in pochi anni una posizione di leadership sui mercati internazionali, solo qualche settimana fa aveva affidato la gestione dell'azienda a una nuova squadra di manager, Massimo Bordi ex dg di Ducati e vicepresidente di MV Augusta, come nuovo amministratore delegato, e Paolo Bettin in qualità di Chief financial officer (Cfo).

Restano sconosciute le cause del gesto. Il gruppo ha perseguito negli ultimi anni un programma di forte espansione, grazie ad acquisizioni, partnership e la nascita di nuovi stabilimenti in Italia e all'estero. “Dopo il 2009, in un periodo in cui molte aziende italiane hanno perso competitività e ridotto gli investimenti – aveva dichiarato Egidio in occasione delle recenti nomine - noi abbiamo continuato a investire crescendo in termini di fatturato, posti di lavoro e quote di mercato. Ora è necessaria una fase di consolidamento e sono sicuro che la scelta di affiancare alla famiglia Maschio due manager di grande esperienza in campo industriale e finanziario rappresenti la direzione giusta per affrontare le prossime sfide”.

Tutti gli investimenti effettuati hanno portato il fatturato - tra il 2009 e il 2014 - da 118 milioni di euro a 324 milioni, con l'80% generato da mercati esteri, e a più di 2mila dipendenti. Secondo alcune indiscrezioni, la Maschio Gaspardo soffriva di un pesante indebitamento con le banche. Gli istituti di credito avrebbero chiesto di rientrare dal debito che ammonterebbe a circa 200 di milioni euro. Ma dall'azienda smentiscono categoricamente: “Non è così. Con le banche il gruppo ha avviato un tavolo negoziale con l'obiettivo di rimodulare l'indebitamento finanziario coerentemente con il piano industriale”, dicono fonti interne. “Non c'è stata nessuna richiesta dalle banche, non c'è nessun concordato preventivo, l'azienda è instradata verso il risanamento del debito ed è al riparo da difficoltà irrevocabili”. La famiglia Maschio, azionista di maggioranza, detiene l'86% del capitale sociale mentre il restante 14% è posseduto da Friulia Finanziaria FVG.
Egidio Maschio lascia la compagna Sole e due figli, Mirco e Andrea, entrambi impegnati nell'azienda di famiglia.

“Ci lascia una delle figure imprenditoriali più importanti del Veneto – ha detto il presidente di Confindustria Veneto Roberto Zuccato -, che ha dato molto e contribuito a scrivere la storia manifatturiera di questo territorio. Egidio Maschio è stato un esempio per tutta una generazione di imprenditori, con la sua passione e la sua tenacia ha saputo creare una grande realtà, operando sempre per il bene della sua azienda”. “Sono gesti che vanno al di là della nostra comprensione” ha detto l'amico Mario Carraro, patron del Gruppo Carraro di Campodarsego. «Sono sconvolto – ha dichiarato il presidente della Regione Veneto Luca Zaia -. Con Egidio Maschio ci lascia un grande imprenditore, ma anche un grande uomo che ha legato la sua storia imprenditoriale e personale al Veneto. In questi anni di difficoltà Egidio ha dato un grande esempio, gettando sempre il cuore oltre l'ostacolo, investendo e assumendo, inviando così uno straordinario messaggio di positività».

In una nota, l'azienda ha annunciato che il nuovo management team e la famiglia Maschio confermano il grande impegno di tutto il Gruppo nel portare avanti un piano strategico che garantirà sia il consolidamento della leadership di mercato che un'ulteriore fase di sviluppo.

Il caso dell'imprenditore padovano riporta all'attenzione il fenomeno dei suicidi riconducibili a motivazioni economiche, anche se non ci sono dati statistici recenti o scientificamente attendibili sul numero effettivo di morti provocate. Ciò che è certo è che il fenomeno non conosce differenze geografiche e che a Nordest i casi sono stati – soprattutto tra il 2013 e 2014 – frequenti.

© Riproduzione riservata