Italia

Renzi: restituiremo ai Comuni i soldi in meno di Tasi e Imu

fisco locale

Renzi: restituiremo ai Comuni i soldi in meno di Tasi e Imu

I soldi che saranno sottratti ai Comuni per l’abolizione della Tasi/Imu saranno restituiti integralmente. Lo dice il premier Matteo Renzi in un dialogo con i lettori de L’Unità nella rubrica di posta “Caro segretario”. «I soldi in meno della Tasi/Imu saranno restituiti integralmente ai Comuni. E il tuo bravo sindaco saprà farne prezioso uso», risponde Renzi a un lettore di Trento perplesso. «Smettere di tassare la prima casa - osserva - è giusto e anche equo in un Paese dove l'81% degli italiani ha sudato per acquistarsi un'abitazione».

Nel colloquio con i lettori, il premier tocca diversi temi: sindacato, riforme istituzionali, la situazione del Pd. Circa le riforme, Renzi sostiene che «decisivo è abolire il bicameralismo paritario e semplificare le Regioni. Se portiamo a casa questa che è la madre di tutte le riforme, a quel punto avremo davvero svoltato».

Per quanto riguarda la situazione interna al Partito democratico, il premier assicura che non ci saranno espulsioni di dissidenti, nemmeno dopo i recenti casi parlamentari Rai e Azzollini: «Questi atteggiamenti di pochi parlamentari feriscono l'intera comunità del Pd, i militanti o i volontari della Festa dell'Unità. Non è giusto violare le normali regole democratiche di un partito. Ma nessuna espulsione, per carità. Andiamo avanti».

Poi una stoccata ai sindacati, a proposito della legge sulla rappresenza: «Noi ci siamo. E spero che stavolta i sindacati accettino la sfida: una buona legge sulla rappresentanza potrebbe aiutarli a vincere la crisi che sta fortemente minando la rappresentatività delle organizzazioni. Oggi anche nel sindacato c'è troppa burocrazia. E girano più tessere che idee», scrive ancora il premier su L’Unità.

© Riproduzione riservata