Italia

A luglio 44mila occupati in più. Disoccupazione ai minimi da due anni

i dati istat

A luglio 44mila occupati in più. Disoccupazione ai minimi da due anni

Il tasso di disoccupazione a luglio è sceso al 12%, -0,5 punti percentuali rispetto al mese di giugno e 0,9 punti sull’anno. Si tratta del livello più basso da due anni (da luglio 2013). Lo rileva l’Istat nelle stime provvisorie. Il tasso di occupazione sale leggermente al 56,3% (+0,1 punti su mese e di 0,7 punti rispetto a luglio 2014 quando era pari al 55,6%). In termini assoluti, a luglio gli occupati sono aumentati di 44 mila unità e nell'anno di 235 mila. I disoccupati sono diminuiti del 4,4% (-143 mila) su base mensile e del 6,6% nei 12 mesi (-217 mila persone in cerca di lavoro). In netto calo il tasso di disoccupazione dei 15-24enni a luglio, pari al 40,5%, in calo di 2,5 punti percentuali sul mese precedente e di 2,6 punti su base annua.

Tasso occupazione sale a luglio, al top da 2012

In base ai dati Istat, dunque, gli occupati a luglio salgono dello 0,2% su giugno, vale a dire di 44 mila unità in più. Sul luglio 2014 il rialzo è dell'1,1%, con 235 mila persone occupate in più. Il tasso di occupazione aumenta di 0,1 punti percentuali nel confronto mensile, portandosi al 56,3% e tornando ai livelli di novembre 2012.

Tasso disoccupazione cala al 12%, ai minimi da due anni
La stima Istat dei disoccupati diminuisce del 4,4% (-143 mila) su base mensile a luglio. Dopo la crescita degli ultimi due mesi, lo scorso mes, dunque, il tasso di disoccupazione cala di 0,5 punti percentuali, arrivando al 12,0% ai minimi da luglio 2013. Nei dodici mesi la disoccupazione diminuisce del 6,6% (-217 mila persone in cerca di lavoro) e il tasso di disoccupazione di 0,9 punti. Calano i disoccupati, ma (dato negativo) aumentano però gli inattivi su base mensile. Dopo la lieve crescita di maggio (+0,1%) e il calo di giugno (-0,3%), la stima degli inattivi (tra cui coloro che non lavorano e non cercano occupazione perché scoraggiati) tra i 15 e i 64 anni aumenta infatti nell'ultimo mese dello 0,7% (+99 mila persone inattive, prevalentemente donne). Il tasso di inattività è pari al 35,9%, in aumento di 0,3 punti percentuali. Su base annua l'inattività è in calo dello 0,6% (-87 mila persone inattive) e il tasso di inattività di 0,1 punti.

Disoccupazione giovanile cala al 40,5%
In netto calo il tasso di disoccupazione giovanile dei 15-24enni a luglio, pari al 40,5%, in calo di 2,5 punti percentuali sul mese precedente e di 2,6 punti su base annua. Si tratta del tasso più basso dal luglio del 2013. L'Istat spiega: «L'aumento dell'occupazione a luglio coinvolge anche i più giovani. La stima degli occupati 15-24enni aumenta del 2,6% su mese (+22 mila) e il tasso di occupazione giovanile sale di 0,4 punti al 15,2%». I giovani disoccupati diminuiscono rispetto a giugno di 51 mila persone (-7,6%).

Disoccupazione secondo trimestre: 12,1%. Record al Sud: 20,2%
Dopo 14 trimestri di crescita e il calo nel primo periodo del 2015, nel secondo trimestre il tasso di disoccupazione si attesta al 12,1% (-0,1 punti su base annua). Lo rileva sempre l'Istat, che sottolinea come si amplino i divari territoriali: dal 7,9% nelle regioni settentrionali, al 10,7% nel Centro fino ad arrivare al 20,2% nel Mezzogiorno.

Over50 spingono posti fissi,+106mila in II trimestre
Nel secondo trimestre 2015 continua, «a ritmo più sostenuto», l'aumento su base annua del numero di dipendenti a tempo indeterminato, con un aumento dello 0,7%, ovvero di 106 mila unità. L'Istat spiega che «l'incremento riguarda gli ultra 50enni e interessa soprattutto le donne, il terziario, il Centro e il Mezzogiorno».

Nel secondo trimestre +180mila occupati
Sempre nel periodo aprile-giugno 2015, ininterrotta da cinque trimestri, continua la crescita degli occupati, stimata a +180 mila unità (0,8% in un anno). L'aumento dell'occupazione riguarda sia gli uomini (+0,7%, +89 mila) sia le donne (+1,0%, +91 mila) e tutte le ripartizioni territoriali, soprattutto il Mezzogiorno (+2,1%, +120 mila unità) dove oltre la metà della crescita interessa le donne (+3%, +65 mila). Al calo degli occupati 15-34enni e 35-49enni (-2,2% e -1,1%, rispettivamente) si contrappone la crescita degli occupati ultra50enni (+5,8%). L'incremento dell'occupazione interessa sia gli stranieri (+50 mila unità) sia, soprattutto, gli italiani (+130 mila unità). In confronto al secondo trimestre 2014, il tasso di occupazione 15-64 anni degli stranieri diminuisce di 0,1 punti percentuali a fronte di una crescita di 0,6 punti tra gli italiani.

© Riproduzione riservata