Italia

Renzi: «Il 16 dicembre sarà il funerale delle tasse sulla…

il premier a rtl 102.5

Renzi: «Il 16 dicembre sarà il funerale delle tasse sulla casa. Decidiamo noi, non Bruxelles»

Il premier tira dritto sulla rivoluzione fiscale annunciata e fa la voce grossa con l’Europa. «Il 16 dicembre» gli italiani pagheranno la «seconda rata della Tasi, quello è il funerale tasse sulla casa», afferma di primo mattino a Rtl 102.5. E sui dubbi avanzati ieri da fonti anonime della Commissione europea attacca: «Decidiamo noi, non Bruxelles».

«L’Europa si gira davanti ai barconi e dà lezioni sulle tasse»
Non va per il sottile, il premier: «Ci siamo fatti il mazzo a trovare le coperture, ora si immagina se dobbiamo discuterne con qualcuno con Bruxelles. Quando c’è da parlare di immigrazione sono tutti in ferie, quando si parla di tasse si svegliano tutti? Questo modo di procedere con le dichiarazioni affidate a una fonte di Bruxelles, almeno mettessero nome e cognome. Un’Europa che si gira davanti ai barconi pensa di spiegarci cosa fare con le tasse? Spero che sia stato il caldo. È fondamentale che si dia bella svegliata e faccia la sua parte». Anche perché sul tema dei migranti «si gioca la faccia».

Commissione Ue: esame legge stabilità a ottobre
L'idea del governo di ridurre le imposte sulle proprietà immobiliari non piace all'esecutivo comunitario, che preferirebbe invece una riduzione del costo del lavoro non salariale nel tentativo di aiutare l'occupazione. Anche se le scelte sugli interventi in materia fiscale sono competenza esclusiva dei singoli paesi e la Commissione controlla solo se ci sono le coperture finanziarie. Il “nervosismo” di Bruxelles, filtrato ieri, è riecheggiato oggi nelle parole della portavoce della Commissione agli affari economici, Annika Breidthardt, per la quale la legge di stabilità italiana sarà «valutata in autunno» e «la valutazione sarà basata sui fatti, su quello che ci sarà, e sulle previsioni economiche della Commissione di novembre». A chi chiedeva se la linea della Commissione fosse sempre quella espressa in un’intervista alla Stampa dal vicepresidente per l'euro e gli affari sociali, Valdis da Dombrovskis («non suggeriamo in genere agli stati di ridurre le imposte sugli immobili perché non riteniamo sia un tipo di tassa che va a detrimento della crescita»), la portavoce ha replicato: «non ho nulla da aggiungere o interpretare su quanto espresso dal vicepresidente Dombroskis in una recente intervista».

«Senza l’Italia l’ideale europeo sarebbe morto»
Ma Renzi insiste, sempre più duro, a tutto campo: «Abbiamo avuto un paio di discussioni accese al Consiglio europeo, ho anche alzato la voce perché due Paesi nuovi dicevano che l’Italia sugli immigrati fa polemica e ci mette la pistola alla testa. Io ho ricordato che se non ci fosse stata l’Italia e se non ci fosse l’Italia quell’ideale sarebbe morto, quindi prima di parlare del nostro Paese si sciacquassero la bocca».

«Con le riforme i risultati arrivano»
Sulla situazione interna il presidente del Consiglio ribadisce quanto affermato ieri, dopo i dati Istat sul Pil e sull’occupazione: «L’abbiamo sempre detto: se fai le riforme i risultati arrivano. Il dato interessante non è tanto il numero, ma sono i piccoli segnali che dicono che l’Italia è ripartita». Oggi dunque «non dobbiamo fermarci», perché è il momento di «correre, correre, correre». E dalle parole del premier traspare la stanchezza per le critiche: «Non siamo il governo dei sindacati o della Confindustria, siamo un governo di persone normali che stanno cercando di lavorare per il bene comune. Ma non capisco perché nel giorno in cui ci sarebbero da festeggiare i 235.000 posti di lavoro in più, ci perdiamo nelle polemiche. Che vogliamo fare, ci prendiamo le critiche e le utilizzeremo per fare meglio. La verità è che agli italiani delle polemiche del sindacalista o del confindustriale non gliene frega nulla, ma proprio nulla».

Nella manovra limite alle partecipate per provincia
L’appuntamento cruciale è la manovra, al centro ieri sera di un vertice con il ministro Padoan. Renzi annuncia ulteriori interventi sulla pubblica amministrazione, dopo la delega approvata prima della pausa estiva: «Dobbiamo fare ancora un po’ di pulizia nella realtà della Pa, voglio vedere rotolare ancora qualche poltrona nella legge di stabilità: su questo sono più rottamatore che mai». «Metteremo un limite - spiega - al numero di aziende partecipate per provincia, metteremo un limite ai revisori contabili, manderemo a casa un po’ di strutture: mi domando a cosa serve un’agenzia dei giovani, un ente per il microcredito. Faremo molta pulizia su alcune realtà municipalizzate che servono soprattutto a mantenere il posto all’ex politico di turno e poi semplificheremo molto la spesa pubblica. Noi abbiamo tutte le direzioni dello Stato, ciascuna con autonomia per l’acquisto di computer e spese informatiche: centralizzeremo con un risparmio di alcune centinaia di milioni».

Sud: entro fine anno 15 accordi
Confermate novità in arrivo per il Meridione. «Da qui al 31 dicembre - promette Renzi - faremo 15 accordi al Sud con varie regioni. Chiediamo in cambio che le regioni interessate si assumano degli impegni precisi sulla tempistica della realizzazione di opere con un processo di trasparenza totale. La vera sfida per noi è smettere di piangere». La strategia è invece quella di «coniugare la qualità della vita con una dimensione di capitale umano che permetta al Mezzogiorno di tornare a crescere».

A Fi sulle riforme: «L’Italicum non si cambia»
Quanto al rebus riforme, con l’esame del ddl costituzionale che riprenderà l’8 settembre in Senato e i numeri che ballano, Renzi sostiene di aspettarsi una «discussione tranquilla» e chiude la porta a Forza Italia, che si è detta disposta a tornare al tavolo se si introducono premi alla coalizione anziché alla lista nella legge elettorale: «No, hanno l’idea insopportabile della politica come un Monopoli. La legge elettorale l’abbiamo fatta con Forza Italia, l’hanno votata anche loro». Il mancato sostegno degli azzurri, aggiunge, «non è una novità: in un anno e mezzo Berlusconi non ha mai aiutato il Governo». In un tweet, più tardi, ostenta di nuovo sicurezza: «La riforma della Costituzione porta ad avere meno politici e più politica. E meno poteri alle regioni. Io dico che passerà».

«2x1000 da 549mila italiani, Pd motore riforme e cambiamento»
In un post su Facebook, il premier e segretario Pd parla di «giorno importante» e ringrazia i «549.196 italiani che hanno scelto (nelle dichiarazioni dei redditi di quest’anno, ndr) di destinare il 2 per 1000 al Partito Democratico». E aggiunge: «Immagino lo stupore di tanti. Ma il dato di oggi non è una sorpresa per noi: è un invito a continuare con il Pd come motore delle riforme e del cambiamento»

© Riproduzione riservata