Italia

Cdm: ammortizzatori estesi a 1,4 milioni di lavoratori. Controlli a…

varati gli ultimi decreti del jobs act

Cdm: ammortizzatori estesi a 1,4 milioni di lavoratori. Controlli a distanza su tablet e cellulari

Controlli a distanza, stop alle dimissioni in bianco, ricollocazione, Ispettorato unico sul lavoro. Via libera del Consiglio dei ministri di oggi, agli ultimi quattro decreti del Jobs Act in materia di semplificazioni, politiche attive, ammortizzatori sociali e ispezioni. «È stato portato a termine un processo di riforma di grandissimo rilievo e in tempi estremamente rapidi», ha annunciato soddisfatto al termine della riunione il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti. Via libera anche al secondo esame preliminare per cinque decreti attuativi della delega fiscale, che ora tornano in Parlamento: l’ok finale è atteso entro fine mese.

Da Cdm ddl anti-combine, risponde patrimonio società
Il Cdm ha inoltre approvato un ddl Interno-Giustizia volto a rafforzare il sistema di sanzioni dei reati finalizzati ad alterare l’esito di competizioni sportive (delle frodi commesse dai dirigenti di una società nell'interesse della società stessa risponderà il patrimonio sociale) e ha dato il primo via libera a un decreto legislativo sulla giustizia, che attua la direttiva Ue in tema di norme minime su diritti, assistenza e protezione delle vittime di reato. Disco verde, infine, alla nomina di Mauro Palma nuovo Garante nazionale per i diritti dei detenuti. In apertura del Cdm, il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, ha reso noto che il tasso di attuazione delle riforme del governo è al 68,2%.

Jobs Act, si chiude il cerchio
Con i decreti legislativi attuativi del Jobs Act la riforma del lavoro varata dal Parlamento lo scorso dicembre con la legge 183/2014 chiude il cerchio e diventa pienamente operativa su tutti i fronti: non soltanto quello contrattuale, già ai test con i nuovi contratti a tutele crescenti che cominciano a mostrare i primi frutti in termini di stabilizzazioni, ma anche quello della rete dei servizi per l’impiego, della ricollocazione, del sistema delle ispezioni e degli ammortizzatori. La parola d’ordine è una: semplificare. Anche se su alcuni fronti, come Cig e dintorni, l’operazione si annuncia molto complessa e andrà attentamente valutata sul campo. Anche per stimare quale sarà l’impatto effettivo dei costi che le imprese saranno chiamate a sostenere.

Poletti: ammortizzatori estesi a 1,4 milioni di lavoratori
«Approvare la delega e approvare tutti i decreti entro i sei mesi che la delega consegnava al Governo possa essere considerato un risultato importante in sé», ha commentato il ministro del Lavoro Giuliano Poletti. «I temi di oggi completano il quadro». Sugli ammortizzatori, il ministro ha detto: «Abbiamo esteso la copertura degli ammortizzatori a 1,4 milioni di lavoratori che non avevano la copertura perché lavorano in imprese con meno di 15 dipendenti. E abbiamo reso stabile la Naspi a 24 mesi». Sì inoltre alle politiche attive, ha aggiunto Poletti, ma anche «condizionalità», con una novità: «È stato stabilizzato l’esperimento dell’assegno di ricollocamento: un lavoratore che va in Naspi e dopo quattro mesi non ha trovato un nuovo lavoro ha diritto a un assegno che può utilizzato per essere aiutato a trovare un posto di lavoro, rivolgendosi a centri pubblici o ad agenzie per il lavoro private».

Le novità sui controlli a distanza
Sul tema controverso dei controlli a distanza, Poletti ha detto che è stato «colmato un vuoto normativo»: «Abbiamo modificato l’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori per individuare una nuova disciplina nel rispetto della privacy colmando un vuoto non sugli impianti fissi ma sugli strumenti in dotazione ai lavoratori». Gli esiti dei controlli su strumenti e apparecchi di lavoro, come smartphone e tablet, possono dunque essere utilizzati con due paletti: informazione preventiva al lavoratore e rispetto delle norme sulla privacy, ma non serve l’autorizzazione del sindacato e del ministero come avviene per le telecamere. Quanto alla razionalizzazione dell’inserimento mirato dei disabili: «Abbiamo una buona legge, l’unico problema è che a fronte di cento iscritti alla lista ora siamo sotto il 3%: ogni cento meno di tre trovano un lavoro. Abbiamo perciò pensato di rendere più semplici queste normative e cambiare il sistema degli incentivi».

Alt alle «dimissioni in bianco»
Al debutto anche le novità sulle dimissioni in bianco, quelle che alcuni datori di lavoro usano far firmare senza data al momento dell’assunzione, soprattutto alle lavoratrici per poterle licenziare in caso di maternità: «Non saranno più possibili: le dimissioni saranno valide solo se stilate su un modulo numerato e datato scaricabile solo dal sito del ministero del Lavoro».

Agenzie fiscali, controlli meno invasivi: via duplicazioni
Il Governo tenta anche l’affondo sulla delega fiscale, con il secondo «sì» preliminare a cinque decreti su cartelle esattoriali, riordino delle agenzie fiscali, agevolazioni, revisione delle sanzioni e contenzioso tributario, con la riforma degli interpelli. Tra le novità di rilievo, il decreto legislativo che attua la delega fiscale nella riorganizzazione delle Agenzie prevede «collaborazione», «controlli meno invasivi» e soprattutto niente duplicazioni per evitare disagi alle imprese. L'attività deve essere ispirata al principio del «controllo amministrativo unico». Nel provvedimento sulla semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione la novità principale riguarda l'eliminazione della norma che prevedeva, in caso di rateizzazione delle somme iscritte a ruolo, il pagamento “degli interessi sugli interessi” (anatocismo).

© Riproduzione riservata