Italia

Storico incontro in Vaticano, Papa a Rohani: «Spero nella…

a colloquio per 40 minuti

Storico incontro in Vaticano, Papa a Rohani: «Spero nella pace»

«La ringrazio tanto per questa visita e spero nella pace». Sono le parole che Papa Francesco ha detto al presidente iraniano Hassan Rohani, alla fine dell'udienza in Vaticano, durata 40 minuti. Parole riferite dal pool di giornalisti che ha seguito la visita, che è avvenuta nel secondo giorno della permanenza del leader di Teheran a Roma. Al termine dell’incontro il presidente iraniano ha detto al Pontefice, tramite l'interprete: «Le chiedo di pregare per me».

L'incontro tra Papa Francesco e Rohani figurava tra gli appuntamenti dell'agenda pontificia per lo scorso 14 novembre, viaggio poi rinviato per le stragi di Parigi. Ma è passato poco tempo e infatti il nuovo incontro è stato calendarizzato in breve tempo. Segno di una sensibilità diplomatica e politica tra il Vaticano e l'Iran, cuore dell'islam sciita verso cui è alta l'attenzione del mondo cattolico.

Un rapporto che viene da lontano. Fu Paolo VI che nel suo viaggio in Asia del 1970 fece scalo all'aeroporto di Teheran, il 28 novembre: papa Montini fu ricevuto dallo Scià Reza Pahlavi, ma anche dopo la sua caduta, i rapporti sono proseguiti. La rivoluzione del 1979 non ha provocato crisi nei rapporti tra la Santa Sede e la Repubblica Islamica, tanto che Mohammad Khatami, Presidente della repubblica islamica per due mandati, dal 1997 al 2005, fu ricevuto in udienza da Giovanni Paolo II nel 1999.

Il Corano ci insegna «la chiesa, la sinagoga e la moschea una accanto all'altra», anzi che «dobbiamo preservare prima la chiesa, poi la sinagoga, poi la moschea. Questa è la cultura della tolleranza che ci insegna il Corano» aveva detto Rohani, con un’incursione nelle tematiche del dialogo tra le religioni, nel corso del suo intervenento in mattinata al Business Forum Italia-Iran a Roma.

© Riproduzione riservata