Italia

Save the Children: un milione di bambini vittima della povertà in…

illuminiamo il futuro

Save the Children: un milione di bambini vittima della povertà in Italia

Un milione di bambini in Italia vive in povertà assoluta, vittima di diseguaglianze culturali, sociali e relazionali. Una condizione che è come «una mina innescata sul futuro». Save the Children combatte la povertà educativa: «Il potenziale rigenerativo dei più giovani è una delle poche chance di cambiamento». Per questo la Ong ha acceso 16 Punti Luce in Italia: centri socio educativi, situati in aree svantaggiate, dove bambini e adolescenti possono esprimere il proprio potenziale, attraverso attività ricreative, sportive, espressive e di sostegno allo studio.

I Punti Luce di Save the Children
Con il progetto “Illuminiamo il futuro 2030” si prevede di cancellare il problema nei prossimi 15 anni. Gli obiettivi sono gli stessi di quelli fissati dalle Nazioni Unite: apprendimento e sviluppo, offerta educativa ed eliminazione della povertà minorile. Il primo intervento è sui territori: 4500 minori frequentano oggi gli spazi di Save the Children, attivi in molte città italiane e in zone periferiche e disagiate. Danza, teatro, musica, piccoli laboratori artigiani, scuole di cucina, nuovi media e sport fra le attività proposte. In cantiere ci sono 5 nuove aperture. Nei progetti sono coinvolte le associazioni, le amministrazioni comunali e presto anche le regioni. La Calabria, ad esempio, ha siglato per prima un accordo con l'organizzazione non governativa per realizzare, oltre ai Punti Luce di Marina di Gioiosa e di Scalea, nuove e più ampie aree ad alta densità educativa in territori sensibili: nel difficile comprensorio della Locride ( Platì, Bianco, Brancaleone, San Luca, Ardore) saranno avviati nuovi progetti formativi, ricreativi e culturali, ai quali parteciperanno scuole, famiglie e imprese.

“Bambini senza”, mappa dei diritti negati
Fra le azioni più urgenti, c'è il sostegno allo studio: il 25% dei quindicenni italiani è sotto la soglia minima di competenze in matematica, 1 su 5 ha problemi di lettura. La percentuale aumenta fra gli adolescenti che vivono in famiglie con un basso livello socio-economico e culturale. Ma incidono anche le carenze di servizi e di opportunità scolastiche ed extrascolastiche: solo il 14% dei bambini tra 0 e 2 anni riesce ad andare al nido o usufruire di servizi integrativi, il 68% delle classi della scuola primaria non offre il tempo pieno e il 64% dei minori non accede ad attività ricreative e sportive. Nelle scuole del Sud la mensa è garantita a metà: il servizio è offerto solo nel 49% degli istituti siciliani, nel 51 % di quelli in Campania e nel 53% delle scuole pugliesi. Lo documenta il 6° Atlante dell'Infanzia “Bambini Senza”, una mappa dei diritti negati.

Spesa sociale sotto la media europea
Finora i fondi pubblici sono stati insufficienti a garantire anche prestazioni minime. Esigue le risorse stanziate: solo concessioni, bonus, misure una tantum, mai investimenti. La spesa sociale per famiglie e minori in Italia è di 313 euro procapite, 506 euro la media europea. Per i servizi erogati dai comuni, poi, c'è un baratro da Nord a Sud: si va dai 242 euro procapite in Trentino ai 20 della Calabria, rispetto a una media nazionale che è di 113 euro. Un bambino su 20 non può permettersi due paia di scarpe all'anno e un pasto proteico al giorno. Migliaia di minori sono vittime dell'illegalità.

Un fondo triennale nella legge di stabilità
«Ma un cambiamento è ancora possibile, c'è un'alternativa a povertà e illegalità», dichiara Valerio Neri, direttore generale di Save the Children. Il Governo ha confermato il suo impegno in favore dell'infanzia inserendo nella legge di stabilità un fondo triennale (alimentato dalle fondazioni bancarie): l'intenzione è di dare a «bambini e adolescenti la possibilità di apprendere, sperimentare, sviluppare e far fiorire liberamente capacità, talenti e aspirazioni». Tenendo conto anche di ambiente e contesti: è di grande importanza il tema della riqualificazione degli spazi urbani degradati in cui favorire il contatto con la natura, la mobilità sicura (piste ciclabili, percorsi pedonali), la produzione culturale e l'accesso gratuito a internet. La previsione è di azzerare il tasso di povertà assoluta dei minori entro il 2030, di dimezzarlo fra 4 anni.

© Riproduzione riservata