Italia

Ponte sullo stretto, Alfano e Lupi rilanciano: sbloccare…

infrastrutture

Ponte sullo stretto, Alfano e Lupi rilanciano: sbloccare l’opera, sia prioritaria per il Paese

Una elaborazione grafica del progetto definitivo del ponte sullo Stretto di Messina (Ansa)
Una elaborazione grafica del progetto definitivo del ponte sullo Stretto di Messina (Ansa)

Una proposta di legge per accelerare la realizzazione del Ponte sullo Stretto. È quella presentata oggi dai gruppi parlamentari di Area popolare. «La realizzazione del Ponte sullo stretto, per noi elemento fondamentale e strategico per il collegamento viario e ferroviario tra Sicilia e Continente, è stata bloccata per legge, e oggi noi rilanciamo il progetto presentando la indispensabile norma di legge necessaria a riattivarne la realizzazione». Così alla Camera il capogruppo a Montecitorio Maurizio Lupi, che ha presentato la proposta insieme al leader di Ap e ministro dell'Interno Angelino Alfano ed al capogruppo al Senato Renato Schifani. «Scopo della legge - ha spiegato il capogruppo di Ap alla Camera - è dare tempi certi per la realizzazione dell'infrastruttura, ridurre i costi e dare trasparenza in tutti i processi per l'affidamento degli appalti».

Ap rilancia: Ponte sullo stretto entro la legislatura
«La proposta - ha spiegato Lupi - è quella di un percorso tecnicamente fattibile, con tempi certi, riduzione dei costi, trasparenza per l'affidamento degli appalti. È costituita da un unico articolo con nove commi. Il ponte diventa una struttura prioritaria per lo sviluppo del Paese, si istituisce l'istituzione di un commissario per garantire la celerità, trasparenza e legalità dell'iter». «Dobbiamo fare in modo che l'opera rientri tra le priorità strategiche del governo - ha aggiunto il capogruppo al Senato Renato Schifani -, cosa che finora ancora non c'è stata e che Alfano riporterà al centro della nostra iniziativa politica. Potremo concludere la legislatura con la realizzazione di questo grande lavoro. Non si deve ripartire da zero». «Non ci sono più scuse - ha affermato il sottosegretario Simona Vicari - per noi essere collegati alla terraferma è indispensabile».

Alfano a Renzi: rompi con vecchia sinistra su Ponte Stretto
«In questa opera abbiamo sempre creduto, è necessaria per il Paese. Chiediamo al Pd che sia calendarizzata immediatamente la nostra proposta di legge. Sappiamo che la vecchia sinistra è contro il Ponte, ma chiediamo a Renzi di abbattere un altro tabù della vecchia sinistra, così come abbiamo fatto già per l'articolo 18, la responsabilità civile dei magistrati, il no alla stepchild adoption» ha detto il ministro dell'Interno, Angelino Alfano.

I dubbi in casa Pd
Finora però il premier-segretario Matteo Renzi non ha collocato il Ponte tra le priorità del governo, pur senza escluderne la realizzazione. «Sicuramente il ponte sullo Stretto verrà fatto prima o poi. L'importante è che prima portiamo a casa i risultati di opere incompiute», a partire dalla «fine dei lavori sulle strade in Sicilia e Calabria» ha detto Renzi lo scorso 3 marzo . Anche il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio ha ribadito più volte in passato che «prima del Ponte sullo Stretto di Messina ci sono altre priorità per il Sud».

© Riproduzione riservata