Italia

Gli interessi del “quartierino” sul settore geotermico

Attualità

Gli interessi del “quartierino” sul settore geotermico

Il “quartierino” dell'inchiesta di Potenza puntava a condizionare con norme di legge anche il settore geotermico. In questo campo il contatto utile sarebbe stato Stefano Boco (non indagato), gia' sottosegretario dal 2006 al 2008 per le Politiche agricole e forestali (governo Prodi). E' quanto emerge dalle nuove carte dell'indagine investigativa.

L'obiettivo di Boco era di incontrare l'allora ministro allo Sviluppo economico, Federica Guidi, attraverso il “quartierino romano”. Secondo la squadra mobile di potenza, Boco - in qualità di presidente del consiglio di amministrazione e consigliere delle società Magma Energy Italia srl e consigliere della Tosco Geo srl, entrambe controllate dalla Graziella Green Power - avrebbe cercato attraverso Gianluca Gemelli e Nicola Colicchi un contatto per le aziende di geotermia per le quali lavora.
In questo filone non ci sono né indagati. Tuttavia la squadra mobile della Polizia di Potenza sviscera tutta la vicenda in un capitolo contenuto nella terza informativa depositata alla Procura della Repubblica di Potenza, nell'inchiesta sul petrolio in Val d'Agri. Per gli investigatori questa vicenda sarebbe da mettere in relazione con l'emendamento alla Legge di Stabilità 2015 presentato dal deputato Ignazio Abrignani, che prevede agevolazioni per le società di geotermia.
Lo stesso Colicchi, in una intercettazione del 2 dicembre 2014, afferma che di «quell'emendamento non ce ne frega niente...quello era l'emendamento presentato da Abrignani che evidentemente l'ha ripresentato, ma è una marchetta, evidentemente per qualche impianto (di geotermia, ndr) che a lui interessa».

L'APPUNTAMENTO
Non è chiaro sulla base di quali riscontri la polizia ritenga esserci un nesso tra gli interessi di Boco e l'emendamento. Sta di fatto che il 9 dicembre Gianluca Gemelli sembra sia stato contattato precedentemente dallo stesso Boco. Ne parla con la compagna, l'ex ministro Guidi, la quale spiega che dovrà incontrare l'imprenditore: «Come si chiama quello lì che deve venire a parlarmi». «Stefano Boco, Stefano Boco», chiarisce Gemelli. La Guidi, dunque, spiega alla sua segretaria che «questo Stefano Boco, che mi vuol venire a parlare di geotermico...quando ti chiama bisogna che gli diamo un appuntamento». Poco dopo Gemelli invia un sms a Boco: «Ciao Stefano, chiama la segretaria che ti fa avere un appuntamento per la prossima settimana. Ti chiedo di darmi riscontro non appena ti conferma l'appuntamento». In una successiva telefonata, Gemelli «contatta nuovamente Boco», riassumono gli investigatori, per dire che all'incontro avrebbe partecipato anche il deputato Marco Donati ( estraneo alla vicenda). Inoltre, continua la squadra mobile nell'atto, «Boco spiega che si tratta della persona che gli ha presentato l'altro giorno. Gemelli risponde di ricordare, aggiungendo che si tratta di un deputato o senatore».

LA REGIONE TOSCANA
Le mire dell'ex sottosegretario, secondo gli investigatori della squadra mobile, emergerebbero il 16 gennaio. Il giorno precedente, infatti, il quotidiano Il Tirreno pubblica un articolo dal titolo: «Geotermia, ora basta con la corsa sfrenata. La Regione (Toscana, ndr) ha imposto una pausa di sei mesi all'apertura di nuovi pozzi. Attualmente ci sono 31 siti per la ricerca di questa preziosa energia». Nell'articolo si citano anche le società Magma Energy e Tosco Geo, di cui Bosco è nei consigli di amministrazione. Inoltre, nello stesso articolo si legge che «non è improbabile che qualche società si senta colpita» dalla decisione della Regione Toscana «e faccia ricorso al Tar». Così, il 16 gennaio Boco invia un sms a Colicchi: «Prova se vuoi a capire cosa è il problema. Tar e emendamento sono le sole vie rimaste». Non e' chiaro a quale legge facciano pero' riferimento, visto che la Stabilita' a quel punto era gia' stata approvata.

© Riproduzione riservata