Motori24

Dossier Salone di Parigi 2016 al via: ecco le novità principali

Dossier | N. 15 articoliSalone di Parigi 2016

Salone di Parigi 2016 al via: ecco le novità principali

Saranno sedici i giorni di apertura del Mundial dell'auto di Parigi, come i francesi chiamano la loro rassegna, che quest'anno si svolge come abitudine a Porte de Versailles da sabato 1 ottobre fino a domenica 16 ottobre, come sempre preceduta dai due giorni il 29 e il 30 di settembre riservati a stampa e operatori del settore, oltre ai top manager delle Case provenienti da tutto il mondo. Uno dei grandi temi del Salore sarà quest'anno la digitalizzazione, una svolta epocale per ora intrapresa soprattutto dei brand premium per arginare l'ascesa di Tesla e dei suoi modelli elettrici. Ma non solo visto che anche Volkswagen sembra ormai decisa che il futuro sarà sempre più elettrico. E così Audi oltre alla nuova Q5 espone una concept che anticipa l'arrivo del Suv elettrico Q6 a fianco delle ristilizzate A5 e S5 Sportback. Così come Mercedes rivela il primo dei cinque modelli della sua gamma elettrica che non poteva che essere un Suv-crossover: farà bella mostra di sè accanto alla supercar AMG GT nella nuova versione Roadster. Anche Bmw nell'anno del centenario espone una sua visione del futuro con una concept che anticipa il modello sportivo elettrìco che arriverà a fine decennio. Senza trascurare, però, l'evoluzione dei modelli attuali che prevede il lancio di un nuovo crossover: andrà ad inserirsi fra l'X1 e la X3 e a Parigi viene anticipato dalla Concept della futura X2.

E veniamo ai brand francesi che invece da bravi generalisti continuano a coltivare la loro affezionata clientela. Citroen ad esempio espone a pochi giorni dal debutto sul mercato la nuova C3 il modello che aprirà la stagione del grande rilancio per lo storico marchio, oltre ad una suggestiva Concept CXesperience che anticipa l'arrivo della futura C5, ma ripartendo dalla mitica CX. Gli fanno eco i “cugini” di Peugeot, entrambi fanno parte del Gruppo PSA, che oltre a dare spazio alla nuova 3008 che ha cambiato decisamente “pelle” diventando sempre più crossover oltre ad offrire una dotazione all'insegna della massima connettività, espone in anteprima assoluta la rinnovata 5008 che da monovolume si riconverte in crossover, ma con in più sette posti. E infine Renault sempre più decisa ad essere presente in tutti i settori del mercato al punto che al Salone di Parigi espone la Alaskan un grande pick up pronto a raccogliere la futura sfida dei mercati emergenti, ma non solo. Oltre a ripresentare la nuova Koleos che aveva debuttato al Salone di Pechino. Dai francesi ai coreani protagonisti indiscussi anche in Europa per la loro qualità, ma anche per uno stile sempre più in sintonia con la clientela continentale. Hyundai fa debuttare a Parigi la terza generazione della i30 che punta a fare concorrenza alla VW Golf e sarà disponibile a partire dall'anno prossimo anche nella variante più sportiva siglata N che si annuncia come la possibile anti Golf GTi. Mentre Kia svela la nuova Rio, tanto elegante da reggere il confronto anche con le compatte premium. A proposito di eleganza il “made in Italy” al Salone di Parigi è ben rappresentato dalla Ferrari e in particolare dalla hypercar di Maranello LaFerrari che si “scopre” e lo fa col consueto “charme” da prima della classe. Oltre alla GTC4Lusso con V8 turbo da 610 CV e la trazione posteriore. Saranno le “regine” della rassegna. Insieme alla ristilizzata Maserati Ghibli oltre alla sempre più gettonata Alfa Romeo Giulia e alla “piccola” ma semprevedere Fiat Panda che però dovrà fare i conti con due insidiose concorrenti. La nuova Ford Ka, anzi la Ka + che però non sarà presente al Salone perché Ford ha deciso di non parteciparvi. Chi invece c'è a Parigi è la Nissan che svela la rinnovata Micra che vuole tornare ai fasti del passato dopo una parentesi un pò “grigia”. Honda fa debuttare a Parigi la nuova Civic con le specifiche per il mercato europeo che si abbina al lancio della versione destinata a mercati nord americani. E ancora Suzuki fa debuttare la nuova Ignis. E' veniamo all'attesa Discovery la novità più importante del brand inglese che si conferma il brand di riferimento nel settore degli sport utility premium. In tema di Suv-crossover da registrare il debutto dello Skoda Koqiad il primo grande Suv del brand ceco pronto alla sfida coi “grandi” del settore. Di Lexus, invece, la prima seria concorrente dell'Audi Q2 che per ora si chiama UX ed è la gemella della Toyota C-HR e a Parigi è proposta come concept, ma che presto vedremo su strada. Un pò a sorpresa, invece, Mini rinuncia a far debuttare la nuova Contryman per inserirla fra le sempre più numerose anteprime del Salone di Los Angeles di fine novembre. Scelta analoga per Porsche che avrebbe dovuto affiancare alla nuova Panamera, una 911 più grande, la super berlina che debutta a Parigi anche nella variante ibrida, ma non nella più intrigante variante Sport Turismo rimandata probabilmente alla rassegna di Ginevra in marzo. E veniamo al confronto annunciato fra due vetture, entrambe elettriche e soprattutto con un'autonomia dichiarata di circa 400 km pronte a sfidare la futura Tesla Model 3. Si tratta della Opel Ampera-e, ma anche della Concept VW, la “madre” di tutte le future elettriche del brand tedesco. Senza contare che Smart espone a Parigi due delle tre varianti della nuova versione elettrica, le Fortwo coupé e cabrio “electric drive”, in attesa del debutto della ForFour. Dopo i tanti presenti ecco gli assenti che si fanno “sentire” al Salone di Parigi per i “nomi” altisonanti: si tratta di Bentley, di Ford, di Lamborghini, di Mazda e anche di Volvo.

© Riproduzione riservata