Italia

Legge bilancio, Renzi: Equitalia abolita, concorsi per 10mila…

L’ANNUNCIO DI RENZI

Legge bilancio, Renzi: Equitalia abolita, concorsi per 10mila statali

Manovra e migranti. Sono i due temi principali affrontati dal premier Matteo Renzi nel suo intervento all’assemblea dell’Anci. La legge di bilancio sarà chiusa «tra stanotte e domani», con le due parole chiave «merito e bisogno». E conterrà alcune novità: «Ci sarà un intervento importante per l’abolizione di Equitalia e la creazione di un diverso tipo di agenzia», ha spiegato il premier. Mentre il dossier pensioni che confluirà nella manovra che dovrebbe essere approvata nel Cdm di sabato, il verbale di accordo con i sindacati (che il governo domani per chiudere l’intesa) «è oggettivamente un passo in avanti significativo». Quanto ai migranti, nella discussione dei prossimi fondi europei, «noi dobbiamo mettere una regola e impegnarci perché passi: che quei Paesi non in grado di rispettare gli impegni sull'immigrazione, quei Paesi che alzano i muri non devono avere investimenti privilegiati».

Renzi: Equitalia abolita, nasce modello diverso
«Come annunciato Equitalia sarà abolita e si indicherà la creazione di un modello diverso con interventi di riorganizzazione del rapporto cittadino-pubblico ufficiale. Dal 7 novembre partirà un sms se si ha un ritardo nei pagamenti» ha detto il Renzi illustrando all’assemblea dell'Anci alcune misure contenute nella manovra che dovrebbe essere approvata in consiglio dei ministri sabato.

«Segnale su turn over, concorsi per 10mila inferieri e Forze ordine »
Il presidente del Consiglio ha anticipato inoltre «un segnale sul turn over» nella legge di bilancio. E ha spiegato: «Possiamo immaginare almeno per le forze dell’ordine, gli infermieri e, forse, i dottori, di avere 10 mila unità per poter bandire subito i posti». Poi ha aggiunto: «Ci sono dei palazzi romani in cui il turnover va bene al 25%» ma lo stesso non vale «per le forze dell'ordine, per gli infermieri». Poi Renzi ha sottolineato che nella Pa «bisogna rottamare la filosofia 'checcozaloniana' dell'impiegato pubblico» che per primo «deve tornare a sentire l'orgoglio, del Tricolore, poi e' anche chiaro che bisogna sbloccare i contratti».

«Fondi Ue non vadano a chi alza muri»
Capitolo migranti. Nella discussione dei prossimi Fondi Europei, a partire dal 2020, per Renzi va introdotta una regola: quei paesi non in grado di rispettare gli impegni sul rispetto dell'immigrazione, chi alza i muri, non devono avere finanziamenti privilegiati come accaduto in questi anni».

«2,1 mld entro 2017 per progetti periferie»
Renzi ha annunciato inoltre che «sui progetti per le periferie il governo metterà 2,1 miliardi entro il 2017. «C’erano 500 mln sul 2016 - ha detto ai sindaci dell’Anci - ma avete presentato progetti per 2,1 mld. Tutti i progetti presentati saranno finanziati entro il 2017». E poi ha aggiunto, rivolto ai sindaci che «ci sarà il fondo pluriennale vincolato, una misura che sblocca investimenti vostri per 1,4 miliardi».

«Negli asili bimbi devono essere vaccinati»
Sul fronte sanità, il premier ha poi parlato di vaccini. Lo ha fatto lodando l’iniziativa dell’Emilia Romagna che ha introdotto l’obbligatorietà nella scuola primaria, parlando di «esempio serio», perché negli asili nido «deve esserci chiarezza». E ha aggiunto: «Basta con alchimisti e stregoni, i nostri asili devono avere i bimbi vaccinati».


© Riproduzione riservata