Tecnologia

Dossier Nasce Soldo, il conto per la spesa familiare

    Dossier | N. 221 articoliPiù start-up con il Sole

    Nasce Soldo, il conto per la spesa familiare

    Fa il suo debutto oggi sul mercato Soldo: un “conto spese multi-utente”, basato su circuito Mastercard, per amministrare le finanze dei gruppi famigliari con un'unica piattaforma. L’azienda, guidata da una vecchia conoscenza dell’innovazione italiana come Carlo Gualandri (già tra i padri di Virgilio.it), ha già incassato un round seed da «sette cifre». La startup non ha voluto rendere noto l’importo esatto, ma è lo stesso Gualandri a spiegare al Sole 24 Ore che l’azienda andrà a caccia di un finanziamento «ancora più importante» entro il primo semestre del 2017.

    Come funziona? Nella sua prima versione, Soldo consiste in un sistema online per la gestione del patrimonio con l’integrazione di una carta prepagata personalizzabile del circuito Mastercard (età minima degli utenti: 8 anni) e una app per iOS e Android. Il titolare del conto può definire la sua rete di utenti e assegnare i vari “wallet”, contenitori di denaro, fissando le sue regole per le operazioni consentite. Gli utenti godono di autonomia finanziaria nello svolgere le proprie operazioni ma devono comunque rispondere ai requisiti di trasparenza imposti dal titolare: dai tetti massimi di prelievo per i figli minorenni ai limiti d'orario nell'utilizzo della carta fissati per baby-sitter o collaboratori domestici. Il costo? L'intero pacchetto è accessibile per una tariffa iniziale di 2 euro al mese, secondo una formula di abbonamenti che rappresenta la fonte di ricavi dell'azienda. Dopo le prime fasi di rodaggio, spiega Gualandri, il prodotto potrebbe evolversi nella forma di servizio Premium con un set più ampio di applicazioni. «Per esempio – dice Gualandri –potrebbe essere la possibilità di stilare una nota spese od operare una conversione valutaria da euro a dollari. In ogni caso, si tratta di servizi aggiuntivi che richiederanno degli incrementi di costo per gli abbonati. La transazione, in sé, resta gratis». In cosa si differenzia Soldo rispetto ai vari sistemi già esistenti per i pagamenti e il trasferimento di denaro mobile? Gualandri precisa che il sistema non ha intenzione di «stravolgere» ma di integrare il mercato bancario: «Non ci consideriamo un competitor delle banche – conclude Gualandri – ma le affianchiamo come un servizio a se stante. Per ora creiamo carte nel circuito Mastercard, ma potremmo fare lo stesso con altri concorrenti».

    © Riproduzione riservata