Italia

Migranti: Alleva (Istat), stranieri in Italia 8,3%…

audizione in parlamento

Migranti: Alleva (Istat), stranieri in Italia 8,3% popolazione

«In Italia il numero di stranieri rappresentano l'8,3 per cento della popolazione totale, un numero piu' alto di quello della Francia 6,6 per cento e di poco inferiore di quello tedesco con il 9,3 per cento». Lo ha affermato il presidente dell'Istat, Giorgio Alleva, nel corso dell'audizione in Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema di accoglienza, di identificazione ed espulsione, sulle condizioni di trattenimento dei migranti e sulle risorse pubbliche impegnate.

«I dati piu' aggiornati per l'Italia - ha aggiunto Alleva - mostrano una sostanziale stabilita' del fenomeno. Al primo gennaio 2016 si contano 5 milioni 26mila 153 stranieri, 12 mila unita' in piu' rispetto al 2014».

Migranti, presenza Italia quintuplicata da '98
«Dal '98 risultavano poco meno di un milione gli stranieri residenti in Italia, nel 2015 il numero e' quasi quintuplicato e si tratta della crescita relativa piu' marcata per i paesi Europei per i quali sono disponibili i dati» ha affermato Alleva, in audizione davanti alla Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema di accoglienza, di identificazione ed espulsione, sulle condizioni di trattenimento dei migranti e sulle risorse pubbliche impegnate.
Alleva ha spiegato che «i dati Eurostat sulla presenza di stranieri nei paesi dell'Unioone Europea a 28 consentono di collocare l'Italia nel contesto Europeo».

Aumenta numero figli di stranieri
«Dal lato degli ingressi ad aumentare il numero» degli stranieri in Italia «concorrono - ha chiarito il presidente Istat durante l’audizione - non solo le migrazioni dall'estero, ma anche i tanti nati nel nostro Paese da genitori stranieri, piu' di 70mila all'anno. Ogni anno si registra un numero elevato di stranieri che diventano italiani, 178mila nel 2015. La popolazione straniera di genere e' equilibrata con un lieve vantaggio femminile (51,4 per cento)».

In Italia 4 mln con permesso soggiorno
«Al primo gennaio 2016 - ha spiegato Alleva - i cittadini non comunitari con permesso di soggiorno in Italia sono quasi 4 milioni, stabile rispetto al 2015, con dinamiche diverse per tipologia di permesso. La costante crescita di soggiornanti di lungo periodo e' il risultato del processo di stabilizzazione della presenza di stranieri nel nostro Paese. Se le migrazioni per lavoro sono state prevalenti fino al 2010, nel 2011 il motivo di ingresso piu' diffuso e' divenuto il ricongiungimento familiare».

© Riproduzione riservata