Italia

Manovra, la card per i giovani «apre» alla musica

manovra

Manovra, la card per i giovani «apre» alla musica

Fotolia
Fotolia

I ragazzi che compiranno 18 anni nel 2017 potranno usare il bonus di 500 euro anche per comprare dischi e dvd musicali. È questa una delle novità introdotte dal disegno di legge bilancio che aggiunge nuove possibilità di acquisto a quelle già in vigore dal 2016. La card cultura, infatti, era stata istituita con la legge di stabilità 2016 ma è diventata operativa solo a inizio novembre.

Attraverso il sito 18app i ragazzi che sono diventati maggiorenni nel 2016 possono ottenere il bonus di 500 euro da spendere online o nei negozi fisici per libri, musei, cinema, concerti, eventi culturali, monumenti e parchi, teatro e danza. I giovani nati nel 1998 hanno tempo fino al 31 gennaio 2017 per registrarsi e fino al 31 dicembre 2017 per spendere il bonus.

Nelle faq pubblicate sul sito 18app c’è anche quella relativa ai cd o dvd: in molti devono aver chiesto se fosse possibile utilizzare i 500 euro per questo tipo di acquisti. «No», è la risposta valida finora. Le cose però cambieranno dal 2017 perché il disegno di legge della manovra (comma 626) prevede che il bonus potrà essere utilizzato anche per l’acquisto di musica registrata, per i corsi di musica, di teatro o di lingue straniere.

D’altronde che il settore della musica fosse quello più “interessante” per i giovani era emerso già dalle prime ore di attivazione del portale, quando l’account Twitter dell’iniziativa era stato sommerso dalle proteste di chi aveva cercato invano di acquistare biglietti dei concerti su Ticketone. In quell’occasione si era verificato un problema e il portale di vendita dei biglietti di eventi era stato temporaneamente escluso dall’elenco dei siti su sui effettuare gli acquisti.

Dal prossimo anno, oltre ai concerti, gli appassionati di musica potranno usare i 500 euro del Governo anche per i dischi. Ma le modalità di fruizione della musica sono cambiate: oggi le canzoni non si ascoltano più solo con i cd o i vinili. Bisognerà quindi capire se il bonus sarà utilizzabile anche per la musica acquista sulle piattaforme come iTunes o per gli abbonamenti alle app per la musica in streaming come Spotify, Deezer o Tidal.

© Riproduzione riservata