Italia

Appendino: mozione per l’uscita di Torino dall’Osservatorio…

Nencini: «incomprensibile»

Appendino: mozione per l’uscita di Torino dall’Osservatorio Tav. Nencini: «Posizione incomprensibile»

Il cantiere Tav
Il cantiere Tav

La città di Torino deve uscire dall’Osservatorio sulla linea ad alta velocità Torino-Lione. Lo prevede una mozione presentata dalla maggioranza M5S che guida la città di Torino , presentata oggi dalla sindaca Chiara Appendino , che sarà portata in consiglio comunale lunedì .

Non è un investimento prioritario
«Questa mozione - ha detto Appendino - aiuta a spiegare perché siamo fortemente contrari alla Torino Lione . Si tratta di un investimento non necessario, non prioritario soprattutto linea un momento come questo di scarsità di risorse».

Nencini: incomprensibile la posizione di Appendino
«Ci sono accordi internazionali già siglati - ha commentato il vice ministro alle Infrastrutture, Riccardo Nencini - il Parlamento si è già espresso, l’Italia ha già speso un numero cospicuo di fondi per portare a conclusione l’opera, i Comuni erano stati inseriti proprio perché il processo fosse il più partecipato possibile e il più trasparente. È una posizione quella dell'Appendino difficilmente comprensibile».

Ferrero (M5S): la decisione ricostruisce un ponte fra Torino e la Valle di Susa
«Avremmo voluto fare un consiglio comunale aperto sul questo tema - ha spiegato il capogruppo del M5S Alberto Unia - ma non è stato possibile. Nonostante la maggioranza che abbiamo infatti erano necessari i due terzi del consiglio che non ci sono stati». Per la consigliera Viviana Ferrero, «questa decisione ricostruisce un ponte tra Torino e la Valle di Susa, mentre fino a oggi con gran parte dei comuni valsusini fuori dall’Osservatorio c’era una voragine tra il capoluogo e l’area metropolitana.Diciamo no a un’opera inutile e dannosa e sì a un utilizzo diverso delle risorse».

Esposito: nessuna mozione può interrompere l’opera
«La Torino-Lione è una infrastruttura che si sta realizzando, nessuna mozione la potrà interrompere, e il sindaco lo sa bene, però per tenere buoni i suoi consiglieri comunali li fa giocare a fare i No Tav», ha commentato sui social il
senatore Pd Stefano Esposito, vicepresidente della Commissione Lavori pubblici di Palazzo Madama. E ha ricordato che la sindaca Appendino «solo 3 giorni fa ha organizzato, insieme al presidente Chiamparino, una conferenza stampa per annunciare di aver inviato al Governo la richiesta per sottoscrivere il patto per il Piemonte. All'interno di questo patto sono contenute molte opere figlie della realizzazione della linea ad Alta Velocità Torino-Lione».

© Riproduzione riservata