Italia

Pd, Renzi: nessun alibi per rinvio, primarie il 30 aprile

l'ex premier stasera a otto e mezzo

Pd, Renzi: nessun alibi per rinvio, primarie il 30 aprile

(LaPresse)
(LaPresse)

«Il congresso - con le primarie del 30 aprile - saranno una grande occasione per decidere insieme quale Italia vogliamo in Europa e come il Pd dovrà essere motore del cambiamento. Nessun alibi per rinviare la discussione, dunque».
Lo ha scritto su Facebook Matteo Renzi, ex segretario del Pd, mettendo così a tacere le ipotesi di rinvio delle primarie circolate in questi giorni in cui l'inchiesta Consip e lo scandalo delle tessere vendute in Campania agitano le acque nel partito.

Il post rilanciato dall'ex premier anche su Twitter

In mattinata anche il ministro della Giustizia - e candidato alla segreteria Pd - Andrea Orlando aveva infatti ritenuto «difficile l'ipotesi di un rinvio delle primarie a questo punto». Mentre il ministro dei Beni Culturali, Mario Franceschini, ha assicurato di non aver «mai proposto un rinvio delle primarie».
Con il suo post Renzi, dunque, Renzi spazzia via ogni dubbio e annuncia: che staserà sarà ospite da Lilli Gruber a Otto e Mezzo su La 7 «per affrontare tutti i temi dell'attualità - scrive - a viso aperto, come sempre».

Renzi: «Al Lingotto costruiremo prossimi mille giorni»
«Stiamo costruendo i prossimi mille giorni - ha scritto ancora l’ex premier su Facebook - c'è bisogno di una nuova visione per l'Italia dei prossimi anni. Per un'Europa più giusta, con meno burocrazia e più uguaglianza, più opportunità». E annuncia: « Ne parleremo al Lingotto, la settimana prossima». «Spero di vedervi in tanti - aggiunge - perché questa sfida possiamo vincerla solo tutti insieme. Parlando di contenuti, non di polemiche. Raccontando che cosa abbiamo in testa per l'Italia, non parlando di me. Io continuo a viaggiare, specie al Sud. Dopo la Locride e la Calabria, ho toccato Taranto, Castellaneta, Matera capitale della cultura europea nel 2019, Bari. Tante persone incontrate, tante esperienze raccolte, tanta passione condivisa».

«Farò campagna in ticket con Martina»
Nella campagna congressuale «mi farò accompagnare da Maurizio Martina, che ha fatto molto bene come ministro, in un ticket. Ci saranno altre persone che saranno coinvolte, metà donne e metà uomini. E sarà una bella esperienza
di campagna elettorale fatta con le proposte. Non mi sentirà mai parlar male degli altri» ha aggiunto Renzi a Otto e mezzo.

«Pil a 1%, lasciato guida Paese meglio di come era»
Renzi ha commentato anche i dati sulla produzione resi noti oggi dall'Istat. «Rivisti al rialzo i dati Istat usciti qualche ora fa - ha scritto nella enewes - bene il 2016 si chiude con il più 1%. Abbiamo preso un Paese che stava al -2% e lo lasciamo col segno più davanti, finalmente». «Naturalmente c'è ancora molto da fare - ha continuato l’ex premier - ma per chi ama i bilanci possiamo dare i dati definitivi dei mille giorni: dal secondo trimestre 2014 al quarto trimestre del 2016 il Pil è aumentato del 2% (export +10%; investimenti +6%; industria +4%, nonostante il calo di costruzioni, banche e assicurazioni). Se si somma al dato di ieri del lavoro - ricordate: +680mila posti grazie al JobsAct - si può dire che abbiamo lasciato la guida del Paese meglio di come l'avevamo trovata».

© Riproduzione riservata