Motori24

Dossier Toyota con l'i-Tril da spazio alla nuova mobilità

    Dossier | N. 14 articoliGinevra 2017, le novità e i concept che anticipano il futuro

    Toyota con l'i-Tril da spazio alla nuova mobilità

    Toyota i-Tril
    Toyota i-Tril

    La Casa giapponese affronta il tema della mobilità futura con un concept, la i-Tril appositamente pensata per il traffico urbano del 2030 e sviluppata dalla Toyota Motor Europe in collaborazione con lo studio di design ED2 di Nizza. Lunga 2,83 metri, con una carreggiata di 1,2 metri anteriore e 0,6 metri posteriore, l'intrigante i-Tril è in grado di sostituire sia le auto compatte tradizionali sia i mezzi a due ruote, senza però rinunciare al piacere di guida. Con un peso complessivo contenuto in appena 600 kg e un motore elettrico dalle caratteristiche non ancora specificate, la i-Tril si segnala per una struttura anticonvenzionale, con un giunto che collega l'asse posteriore al resto della vettura per permettere l'inclinazione dell'abitacolo e della zona anteriore senza che le ruote posteriori perdano contatto con la strada: è la filosofia Active Lean che consente di raggiungere fino a dieci gradi di inclinazione con 25 di sterzo per un un raggio di sterzata che è di appena quattro metri.

    L'accesso all'abitacolo avviene grazie alle porte con apertura a farfalla: il posto guida rialzato adotta uno schienale leggermente inclinato verso il retrotreno che ruota per favorire l'accesso a bordo, secondo il concetto di “Relaxed Engagement” studiato dai tecnici della Casa giapponese. Una volta a bordo si può lasciare al veicolo il compito di guidare, oppure si possono gestire gli input tramite comandi “drive by wire” con due semplici controller, mentre tutte le informazioni sono gestite tramite l'head-up display e la voce.

    Gli interni offrono un'abitabilità 1+2, con il guidatore da solo nella zona anteriore e due sedute posteriori con una visibilità ottimale, grazie alle ampie superfici vetrate e all'appoggiatesta anteriore fissato al padiglione. Gli interni, poi, sono rifiniti in Alcantara, tessuto e legno sfruttando materiali riciclati.
    (C.Ca.)

    © Riproduzione riservata