Italia

Il canone soffia nelle vele della Rai

Il Bilancio 2016

Il canone soffia nelle vele della Rai

La crescita è vertiginosa: grazie al canone pagato nella bolletta elettica, per il primo anno, nonostante la riduzione dell’importo da 113 a 100 euro, la Rai avrà introiti netti da canone per oltre un miliardo e 790 milioni di euro rispetto al miliardo e 637 milioni del 2016, oltre 160 milioni in più rispetto all’anno precedente. Certo, di fronte a un canone lordo di 2,1 miliardi di euro, le varie somme spettanti allo Stato (dal 33% del gettito recuperato all’evasione al 5% del contributo di solidarietà sino all’Iva e alla tassa di concessione) riducono le dimensioni del “guadagno” rispetto all’anno precedente.

Più canone e tagli dei costi esterni

Per il 2016, tuttavia, tale maggiore introito, permette di far chiudere l’esercizio con un risultato operativo attivo per circa 76 milioni, nonostante l’esborso straordinario per gli Europei di calcio e le Olimpiadi di Rio . Non è solo il canone, in ogni caso, a determinare il risultato positivo: la Rai è riuscita, nel 2016, a ridurre i costi esterni di circa 26 milioni. Confermata la leadership di ascolto, con un 38,6% di quota in prima seratae un guadagno di circa tre punti percentuali tra i millennials.

I dubbi dell’Avvocatura sul tetto agli artisti

L’Avvocatura dello Stato, intanto, in un parere reso alla Presidenza del Consiglio esprime dubbi sulla decisione del vertice Rai di esternere il “tetto” alle retribuzioni, pari a 240mila euro lordi annui, anche ai compensi artistici. La Rai si trova ora a decidere chi siano gli artisti a cui non applicare tale “tetto” ai compensi: Vespa, Giletti e Fazio sono tali?

Medici e Tour de France

Il Cda di ieri ha affrontato anche altre questione, dai nuovi contratti, come quello per il Tour de France e quello per la prosecuzione de I Medici, alla questione della lista dei nuovi amministratori di RaiWay, la società Rai delle torri quotata in Borsa: quest’ultima decisione è rinviata a un cda che dovrebbe tenersi nella giornata di venerdì.

© Riproduzione riservata