Italia

Boccia: in Usa per raccontare l’eccellenza del sistema Italia

missione a washington

Boccia: in Usa per raccontare l’eccellenza del sistema Italia

  • – di Nicoletta Picchio

Un incontro per raccontare ad una platea internazionale il made in Italy: imprese, banche e tutto il sistema Italia con le sue eccellenze e le sfide che si trova ad affrontare nel cammino verso una maggiore modernizzazione. Se ne parlerà domani pomeriggio, a Washington, nella tavola rotonda organizzata da Confindustria e Abi nella sede dell’ambasciata italiana. «Siamo la seconda realtà manifatturiera d’Europa e anche se in Italia a saperlo sono ancora in pochi all’estero si tratta di un dato conosciuto e apprezzato grazie alla qualità dei nostri prodotti», commenta il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, che interverrà al dibattito. Le conclusioni saranno affidate al ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. «Andiamo a Washington con il ministro Padoan, la Banca d’Italia e l’Abi per presentare un sistema paese - ha aggiunto Boccia - che ha nell’industria un indubitabile punto di forza».

Nel dibattito saranno approfonditi i temi della struttura produttiva del paese, i rapporti commerciali tra Usa e Italia, le nuove opportunità di business, il credito e il processo di consolidamento del settore bancario, le riforme avviate nel paese. «Vogliamo far capire che la realtà italiana è piuttosto differente da quella troppo semplificata che è percepita da una parte della comunità di investitori e soprattutto dei media anglosassoni», ha sottolineato il vice presidente dell’Abi, Camillo Venesio. «Abbiamo piccole, medie e grandi imprese che sono competitive sui principali mercati mondiali con le imprese tedesche. Certo, abbiamo anche un alto debito pubblico e alcune banche in difficoltà - ha aggiunto Venesio - ma la gran parte delle banche sono solide e possono sostenere le imprese, i commercianti, gli artigiani».

“Imprese e banche italiane nelle nuove sfide mondiali” è il titolo dell’evento di domani, al quale parteciperanno tra gli altri il direttore generale di Bankitalia, Salvatore Rossi, la direttrice generale di Confindustria, Marcella Panucci, l’ad della Cassa Depositi e prestiti, Fabio Gallia, Gianni Papa, direttore generale Unicredit, l’ambasciatore italiano Armando Varricchio. Sarà un approfondimento necessario per spiegare tutte le sfaccettature del sistema Italia: «Le medie non sono utili a comprendere la complessità del nostro paese dove le distanze, anche tra aziende, sono molto ampie e accanto alle imprese in difficoltà di cui tanto si parla esistono imprese di eccellenza che sono un vanto internazionale», ha spiegato Boccia. «Senza dimenticare le prime, che vanno aiutate ad uscire dall’angolo della crisi, siamo orgogliosi delle seconde e lavoriamo perché crescano di numero a beneficio dell’intera comunità nazionale. Il confronto che avremo nella capitale degli Stati Uniti- ha concluso il presidente di Confindustria - servirà a raccontare anche questo pezzo di paese che nonostante le difficoltà nelle quali si trova ad operare non smette di stupire per le sue capacità di innovare e competere».

© Riproduzione riservata