Italia

Padoan: uscita Italia da euro è senza senso, ne soffrirebbero i…

a washington

Padoan: uscita Italia da euro è senza senso, ne soffrirebbero i più poveri

L’uscita dell'Italia dall’euro sarebbe «senza senso, un totale equivoco su un fatto semplice: se l’Italia lascia l’euro, i primi a soffrire sarebbero i poveri e i deboli non i ricchi e le banche». Lo ha detto il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, durante la registrazione di una intervista a Cnn, dicendosi fiducioso nel fatto che «non ci sarà il prossimo anno al governo una maggioranza che organizzerà un referendum sull’appartenenza dell'Italia all’euro». E ha spiegato: «C’è una maggioranza aritmetica da sinistra e da destra che dice di volere un referendum sull’appartenenza all’euro», ma «ho fiducia» che non ci sarà una maggioranza in carica per indirlo.

Padoan: ritardi manovra per limare testo complesso
Quanto alla «manovrina» di correzione dei conti da 3,4 miliardi, varata martedì 11 aprile dal Consiglio dei ministri, ancora in attesa di pubblicazione, «i ritardi sono dovuti alla necessità di limare il testo data la complessità del provvedimento» ha detto il ministro a margine dei lavori a Washington. E ha aggiunto: la manovrina è «quasi una finanziaria che si impernia su quattro punti: aggiustamento, finanziamento alla crescita, risorse per gli enti locali e risorse per il sisma».

«Banche si stanno riprendendo»
«Non sono per niente convinto che l’Italia sia in una situazione peggiore della Francia» ha aggiunto il ministro dell’Economia durante la registrazione della intervista a Cnn. «L’Italia è molto più forte, ha una struttura diversa e sta uscendo con decisione dalla crisi con molti sforzi», ha aggiunto. Quanto alla performance del sistema creditizio, «le banche italiane stanno lentamente ma sicuramente riprendendo». Padoan vorrebbe anche che il presidente americano Donald Trump si persuadesse del fatto che «un’Europa più forte è nell’interesse dell’economia mondiale e degli Stati Uniti».

«Italia cresce, ma non abbastanza»
Nel pomeriggio, intervenendo a un convegno organizzato dall’Ocse a Washington, dove sono in corso i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, il ministro ha spiegato che «serve qualche anno» prima di vedere i benefici delle riforme strutturali. Descrivendo l’umore che si respira ai lavori del Fmi, Padoan ha detto che la crescita nel mondo «si sta finalmente riprendendo». Il ministro ha però avvertito: «Certamente c'è una ripresa ciclica in corso ma ancora non una strutturale. È questa la sfida». L’Italia, ad esempio, «sta crescendo» ma «non abbastanza e non siamo soddisfatti. Cresceremo di più» ha assicurato il ministro, sottolineando che la crisi ha lasciato «ferite profonde» in Italia.

© Riproduzione riservata