Italia

Manovrina: 30 emendamenti del governo, entra anche dl Alitalia

in arrivo fondi per mense bio

Manovrina: 30 emendamenti del governo, entra anche dl Alitalia

Il governo ha presentato un pacchetto di 30 emendamenti alla manovra. Tra le proposte c'è l'annunciato correttivo per ripristinare i poteri dell'Anac oltre alla certificazione per le mense bio nelle scuole e una soluzione per gli organici di fatto. Nella manovra confluisce, sottoforma di emendamento dell'esecutivo, anche il decreto Alitalia. Nessuna decisione invece è ancora stata presa sui voucher, riferiscono fonti di governo. Anche il relatore ha depositato due emendamenti.

Fondo da 44 milioni per mense scolastiche bio
Arrivano le mense scolastiche biologiche certificate nelle scuole italiane. Saranno introdotte grazie a un emendamento alla manovrina presentato dal Governo promosso dal ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, e condiviso con le ministre Maria Elena Boschi, Valeria Fedeli e Beatrice Lorenzin. L’obiettivo è promuovere e diffondere l'utilizzo di prodotti biologici nell'ambito dei servizi di ristorazione scolastica. A questo scopo viene creato un Fondo, gestito dal ministero delle Politiche agricole, da 44 milioni di euro per ridurre tra l'altro i costi a carico degli studenti. Tra gli emendamenti approvati oggi dalla commissione Bilancio in vista dell’approdo in Aula della manovra bis spunta anche la copertura affidata aprovati delle spese di Polizia locale e l’allentamento dei vincoli sull’uso dei proventi della multe stradali da parte di Province e Città metropolitane.

Martina: proseguiamo lavoro iniziato con Expo
«Per la prima volta avremo mense scolastiche biologiche certificate» ha detto il ministro Martina, spiegando che si tratta di «un risultato importante che si inserisce nella nostra strategia per promuovere modelli agroalimentari più sostenibili e garantire ai nostri figli un'alimentazione più sana anche nelle scuole». «Il fondo che abbiamo previsto - aggiunge - sarà utile proprio a rendere più accessibili i servizi e a proseguire le azioni di educazione alimentare che abbiamo iniziato con Expo Milano. L'Italia è leader del settore biologico in Europa, con più di 60 mila operatori e 1,5 milioni di ettari coltivati. Con questo provvedimento - continua - dimostriamo di rappresentare un laboratorio di buone pratiche da condividere a livello internazionale».

In Italia oltre 1.200 mense bio
Con la norma si regolamenta un settore che negli ultimi anni ha visto un vero e proprio boom . In Italia, infatti, sono censite ufficialmente oltre 1.200 mense che fanno uso di prodotti biologici, per un quantitativo di circa un milione di pasti serviti giornalmente. L'emendamento del Governo prevede ora che le scuole che vorranno attivare il servizio di mensa biologica dovranno inserire le percentuali minime di utilizzo di prodotti biologici, dei requisiti e delle specifiche tecniche fissate dal ministero delle politiche agricole insieme al ministero dell'Istruzione.

Organizzatori di eventi obbligati a copertura spese Polizia locale
Rappresenta invece una novità assoluta per il nostro ordinamento la norma, prevista da un emendamento presentato dalla Lega fatto proprio dalla commissione Bilancio, che impone agli organizzatori privati di concerti e appuntamenti sportivi su aree pubbliche la copertura totale delle « spese del personale di Polizia locale» per i servizi «di sicurezza e polizia stradale» se gli eventi «incidono sulla sicurezza e la fluidità della circolazione del territorio dell'ente» loacle. Si tratta, ha spiegato il primo firmatario Guido Guidesi, «di una opportunità per i sindaci che la useranno come ritengono meglio. In base alla modifica approvata le ore di servizio aggiuntivo effettuate dal personale della polizia locale in occasione dei medesimi eventi non dovranno essere «considerate nel calcolo degli straordinari del personale», mentre la disciplina delle «modalità di utilizzo di tali risorse al fine di remunerare i relativi servizi», compresi gli straordinari, viene rinviata «in sede di contrattazione integrativa».

Meno vincoli a Province per uso proventi multe
Il via libera della Bilancio è arrivato anche per un emendamento a prima firma del dem Antonio Misiani che riduce i vincoli a Province e Città metropolitane per utilizzare le risorse delle multe per «migliorare la sicurezza stradale». Quest’anno e il prossimo, questi enti potranno usare queste risorse «più liberamente». Si tratta - ha spiegato Misiani a margine dei lavori della commissione - di un aiuto per l'equilibrio dei bilanci delle Province per le funzioni fondamentali per la viabilità nel periodo 2017-2018». In pratica, si tratta di « un ulteriore tassello a disposizione delle Province a cui si dovrebbero aggiungere le risorse promesse da relatore e governo».

Sblocco turnover al 100% per piccoli Comuni virtuosi
Sempre sul fronte Enti locali, la manovrina ha recepito anche un emendamento dem (primo firmatario Maino Marchi) che prevede lo sblocco pieno del turnover, al 100%, per i piccoli Comuni (fino a 3mila abitanti) ”virtuosi”. La modifica alla manovrina, che assorbe anche alcune proposte avanzate da M5S e Lega, interesserà «oltre un migliaio di piccoli Comuni», come ha spiegato il relatore Mauro Guerra. Le norme attuali consentivano un allargamento del turnover solo per i Comuni fino a mille abitanti; con la proposta approvata questa soglia si estende fino a quelli con tremila abitanti per il 2017 e il 2018, se si registra «nell'anno precedente una spesa per il personale inferiore al 24% della media delle entrate correnti registrate nei conti consuntivi dell'ultimo triennio». Via libera anche ad alcune modifiche per facilitare l'unione dei Comuni, come la capacità di «cedere, anche parzialmente, la propria capacità assunzionali» ai Comuni dell'unione.

© Riproduzione riservata