Italia

Rai, Campo Dall’Orto rimette il mandato

padoan “prende atto”

Rai, Campo Dall’Orto rimette il mandato

«In un incontro molto cordiale, il Ministro Padoan ha preso atto della decisione di Antonio Campo Dall'Orto di rimettere il suo mandato di Direttore generale Rai». Lo comunica Viale Mazzini in una nota che ufficializza l’attesa rinuncia all’incarico da parte del manager dopo la bocciatura del suo “Piano news” di lunedì scorso da parte del Consiglio di amministrazione dell’azienda radiotelevisiva (con il voto contrario anche della presidente Monica Maggioni). Il ministro dell’Economia è stato di parola. Dopo aver promesso ieri un incontro a stretto giro con il Dg Rai («lo incontrerò presto»), oggi Pier Carlo Padoan è passato dalle parole ai fatti, e lo ha visto faccia a faccia nel suo ufficio a via XX settembre per un chiarimento con l’azionista . La convocazione da parte del ministro è arrivata mentre il Dg era in trasferta ad Assisi per partecipare ad un panel sul servizio pubblico organizzato dai francescani, costringendolo ad un brusco rientro nella Capitale in vista dell’incontro con il titolare dell’Economia.

Fnsi-Usigrai: si dimettano anche presidente e Cda
A caldo, le dimissioni di Campo Dall'Orto hanno provocato la presa di posizione della Federazione nazionale della Stampa e Usigrai secondo cui il Dg «non è l'unico responsabile del fallimento di questi due anni di mandato», con l’auspicio che alle sue dimissioni seguano «quelle della presidente e del consiglio di amministrazione» Rai. L’azionista dovrebbe ora agire «con rapidità» per restituire con urgenza alla Rai Servizio Pubblico «una guida autorevole, sicura e stabile in grado di assicurare presto la necessaria riforma editoriale». Questa, conclude la nota congiunta, dovrebbe partire «dalla necessaria separazione dei poteri di indirizzo dai poteri di gestione, senza la quale «l'indecoroso spettacolo degli ultimi mesi non potrà che riproporsi».

I possibili candidati per l’incarico di Dg
Secondo alcune indiscrezioni, il dg si sarebbe presentato al ministro con quattro dossier urgenti: la regolamentazione dei compensi degli artisti, il contratto di servizio pubblico, i palinsesti d'autunno e il piano informazione. Dossier che con ora saranno “girati” al successore. Gli osservatori delle questioni Rai ipotizzano l’arrivo di una figura interna, in grado di mettersi al timone il giorno dopo la nomina. In questo caso tra i nomi dei papabili spiccano quelli di Luciano Flussi, ora a Rai Pubblicità, e l'ad di Rai Cinema Paolo Del Brocco, mentre l'ex dg Claudio Cappon, in quanto pensionato, dovrebbe svolgere l'incarico senza remunerazione. Tra gli altri nomi Valerio Fiorespino, Giovanni Minoli, Paolo Ruffini, Nino Rizzo Nervo. Dal Pd assicurano che, una volta arrivate le dimissioni di Campo Dall'Orto, la partita si potrà chiudere in pochi giorni.

© Riproduzione riservata