Italia

Sciopero dei trasporti, chiuse le metro a Roma. Disagi in tutta Italia

piano straordinario Alitalia

Sciopero dei trasporti, chiuse le metro a Roma. Disagi in tutta Italia

  • – di Redazione online
(Ansa)
(Ansa)

Disagi in tutta Italia a causa dello sciopero dei trasporti di oggi. Nella Capitale è in corso la chiusura delle linee della metropolitana e stop anche per le tratte verso il Lido e Viterbo. Anche se sono sospese le limitazioni al traffico nella Ztl centrale si registrano disagi al traffico in città con rallentamenti da via Aurelia Antica a via Boccea, da via Flaminia Nuova a via Trionfale, da via Salaria, alla Tangenziale Est al Grande raccordo anulare. «L'ennesimo sciopero dei trasporti è uno scandalo. Fatto ancora una volta di venerdì. E proclamato da piccole sigle che utilizzano ancora una volta l'alibi della privatizzazione. A Firenze cinque anni fa abbiamo messo a gara il servizio e lo ha vinto un'azienda pubblica, le Ferrovie dello Stato. Si può fare di più, ma adesso lo gestiscono meglio che in passato», scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi.

Raggi: paralisi città? Sciopero trasporti è nazionale
«Roma paralizzata? Purtroppo c'è questo sciopero nazionale che coinvolge tutte le città italiane». Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi a margine della sua visita alla Festa d'Estate nella Capitale, dove il traffico risulta ancora in tilt. «Renzi ha detto che è uno scandalo e io penso alla funivia? Io penso a tutto», ha detto poi la sindaca commentando le affermazioni del segretario Pd.

A Milano non si segnalano problemi di rilievo
Servizio di superficie rallentato a Milano e una metro ferma su quattro è il bilancio, al primo pomeriggio, dello sciopero nazionale del trasporto pubblico che vede coinvolte diverse sigle sindacali di base anche a Milano tra cui Cub, Sgb e Cobas (dato che coinvolge anche il settore della logistica). Le linee 1, 2 e 3 della metropolitana funzionano regolarmente mentre la 5 e ferma sin dalle 8.45, orario di inizio dello sciopero che continuerà fino alle 15, per poi riprendere dopo le 18 fino al termine del servizio. Anche i tassisti hanno protestato, con riunioni spontanee di lavoratori all'aeroporto di Linate e un presidio in piazza della Scala iniziato alle 10 e terminata alle 12.30 senza tensioni particolari. Il disagio maggiore però forse si è avuto negli aeroporti, con molti voli Alitalia annullati. A Linate, ad esempio, nella fascia oraria tra le 12.45 e le 15.30 risultano cancellati dieci voli sia per destinazioni nazionali sia internazionali. Migliore, a vedere i tabelloni, la situazione a Malpensa.

Problemi contenuti a Napoli e Palermo
Sinora contenuti i problemi a Napoli. La protesta, indetta da alcune single sindacali minori, non coinvolge l'Anm, che gestisce bus, funicolari ed il Metrò linea 1, né l' Eav, da cui dipendono le ferrovie Cumana, Circumvesuviana e Circumflegrea. Sciopero in corso, invece, sulla linea 2 del Metrò, gestita da
Trenitalia, dove si stanno valutando le adesioni del personale alla protesta.
Il gruppo Fs ha confermato il regolare funzionamento delle Frecce Rosse. Per ilmomento non ci sono ripercussioni di rilievo sul traffico cittadino, anche grazie alla chiusura delle scuole. Pochi i disagi anche a Palermo per lo sciopero dei trasporti indetto dai Cobas. Nell'azienda degli autobus del capoluogo, l'Amat, sono 230 su 1700 gli autisti che hanno incrociato le braccia. Un bilancio delle corse soppresse sarà disponibile solo dalle 14, ma al momento il traffico non sembra risentire particolarmente dell'astensione. Partecipano alla protesta anche i dipendenti degli impianti fissi, degli uffici, dell'officina, gli addetti alla segnaletica stradale, alla rimozione delle auto e gli ausiliari del traffico, per l'intero turno di lavoro. A causa dello sciopero disagi invece si sono registrati nei voli. Sono stati cancellati i voli Alitalia da Roma Fiumicino a Palermo delle 14.30, il Palermo-Roma Fiumicino delle 15,20, il Palermo-Roma Fiumicino delle 19.15, il Roma-Fiumicino Palermo delle 18.30 il Milano-Linate Palermo delle 13.20 e il Palermo- Milano Linate delle 14.25.

Venezia, Piazzale Roma intasato di auto
Nel caos Venezia. Ai disagi che caratterizzano in queste ore tutte le città italiane, si aggiungono quelli legati alla particolare morfologia del capoluogo lagunare, un'isola collegata alla terraferma da un solo ponte translagunare, sul quale passa anche la linea ferroviaria. La Polizia municipale segnala una situazione particolarmente caotica a Piazzale Roma, in terminal automobilistico della città, invaso dalle auto di chi è costretto per ragioni di lavoro a raggiungere con questo mezzo il centro storico. Senza contare le centinaia di turisti che con le loro vetture stanno tentando di approvare in laguna. Auto che, peraltro, fanno fatica a trovare parcheggio, visti i pochi spazi a disposizione. Presi d'assalto i taxi, con code anche di un'ora per potersi accaparrare un'auto libera.

Scatta piano straordinario Alitalia
«In questa stagione turistica così delicata: come si può lasciare a terra ancora una volta Alitalia?» rileva ancora su Facebook il segretario Pd Matteo Renzi. Lo sciopero di oggi nel settore dei trasporti «è davvero un grande mistero. È evidente che è uno sciopero inutile e dannoso per le cittadine e per i cittadini», annota la segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan, aggiungendo che «scioperare per confermare il diritto di sciopero in un Paese che lo tutela già in maniera chiara è incomprensibile». Ed «è tra l'altro inutile scioperare per la situazione di Alitalia. E' il secondo danno che Cub e Cobas fanno su Alitalia. Il diritto di sciopero è una cosa seria e come tale va trattato. Ma bisogna avere obiettivi chiari e rivendicazioni serie».

Al momento, la situazione all'aeroporto di Fiumicino appare regolare. In vista dello sciopero generale dei trasporti indetto per l'intera giornata di oggi da alcuni sindacati autonomi, con estensione quindi anche al comparto aereo, Alitalia ha infatti preventivamente cancellato oppure anticipato o posticipato l'orario di partenza di alcuni voli, informando peraltro per tempo i passeggeri delle modifiche attuate. Ecco, così, che al Leonardo da Vinci, dove le altre compagnie aeree battenti bandiera estera stanno operando finora regolarmente, ad eccezione di due voli soppressi dall'Air Berlin diretti a Berlino, Alitalia, oltre che cancellare sull'intero network diversi voli nazionali ed internazionali, ha inoltre previsto un rafforzamento del proprio personale negli aeroporti di Fiumicino e Milano Linate così da «assicurare la massima assistenza ai passeggeri» e ha disposto l'impiego di aerei più capienti, sia sulle rotte domestiche che su quelle internazionali, per trasportare un numero maggiore di viaggiatori. All'esterno delle partenze del Terminal 1 di Fiumicino, è intanto in corso una manifestazione di una cinquantina di lavoratori sulla vertenza Alitalia organizzata dalla Cub Trasporti (Confederazione unitaria di base) e dall'Air Crew Committee (Comitato del personale aereo navigante).

© Riproduzione riservata