Impresa & Territori

Dossier Audemars Piguet colora la flotta sportiva Diver

    Dossier | N. 12 articoliRapporto Orologi

    Audemars Piguet colora la flotta sportiva Diver

    Dna creativo. Il nuovo Royal Oak Offshore Diver, subacqueo fino a 300 metri, presenta un vivace quadrante giallo. Disponibile anche in altri colori - il verde, il bianco, il blu, l'arancio – l'orologio costa 20.600 euro
    Dna creativo. Il nuovo Royal Oak Offshore Diver, subacqueo fino a 300 metri, presenta un vivace quadrante giallo. Disponibile anche in altri colori - il verde, il bianco, il blu, l'arancio – l'orologio costa 20.600 euro

    Con una produzione di 40mila pezzi e un fatturato di 850 milioni di franchi svizzeri, Audemars Piguet è uno dei pochi brand del settore che ha aumentato le proprie vendite nel 2016 (+6% secondo l’ultimo rapporto Vontobel); circa il 70% è rappresentato dalla collezione Royal Oak, sia nelle sue espressioni “classiche” sia nella più sportiva serie Offshore. Appartengono a quest’ultima i modelli Diver, proposti quest’anno con quadranti in una gamma di colori vivaci e brillanti, perfetti per le immersioni estive: blu-giallo, arancio-blu, giallo-blu, verde e bianco. Coordinati con i quadranti sono i cinturini in caucciù, elementi irrinunciabili del look moderno dei Royal Oak Offshore Diver. Restano invariate le altre caratteristiche: la cassa in acciaio di 42 millimetri di diametro, le corone avvitate dotate di rivestimento in caucciù blu, l’impermeabilità garantita fino a 300 metri di profondità, la lunetta girevole interna per la misurazione dei tempi d’immersione, la decorazione “Mega Tapisserie” del quadrante. Nessuna novità neppure dal punto di vista tecnico, con l’adozione del movimento meccanico a carica automatica calibro 3120, che assicura una riserva di carica di 60 ore.

    I colori dei nuovi Diver invitano a osare, in un omaggio alla modernità e con una visione creativa che appartengono al Dna della marca. Basti ricordare la presenza ad Art Basel, di cui Audemars Piguet è Global Associate Partner dal 2013: un progetto che punta alla valorizzazione dell’arte contemporanea e della creatività, sostenendo gli artisti che esplorano il legame con l’alta orologeria, la meccanica, la tecnologia e la scienza. Per l’edizione 2017, che ha chiuso i battenti da pochi giorni a Basilea, Audemars Piguet si è affidata per il secondo anno consecutivo al designer cileno Sebastian Errazuriz, che ha creato una Collectors Lounge ispirata al luogo d’origine della manifattura, la Vallée de Joux, privilegiando i materiali caldi come il legno delle foreste del Giura; all’interno di questo ambiente è stata esposta una rassegna delle creazioni storiche e contemporanee della manifattura di Le Brassus.

    © Riproduzione riservata