Italia

Lavoro in frenata a maggio: la disoccupazione risale…

DATI ISTAT

Lavoro in frenata a maggio: la disoccupazione risale all’11,3%. Eurozona: tasso stabile al 9,3%

A maggio il tasso di disoccupazione risale all'11,3% (+0,2 punti percentuali rispetto ad aprile) e quello giovanile al 37% (+1,8 punti). Lo stima l'Istat aggiungendo che l'incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 9,4% (cioè meno di un giovane su 10 è disoccupato). Tale incidenza risulta in aumento di 0,4 punti percentuali rispetto ad aprile. Il tasso di occupazione cala di 0,5 punti, mentre quello di inattività rimane invariato.

Occupati -0,2%, tasso di occupazione al 57,7%
A maggio 2017 la stima degli occupati cala dello 0,2% rispetto ad aprile (-51 mila unità) attestandosi, dopo il forte incremento registrato il mese precedente, a un livello lievemente superiore a quello di marzo. Lo comunica l'Istat, spiegando che il tasso di occupazione si attesta al 57,7%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali. Il calo congiunturale dell'occupazione, che si rileva principalmente per gli uomini - spiega l'Istat in una nota - interessa tutte le classi di età ad eccezione degli ultracinquantenni. Diminuisce il numero di lavoratori indipendenti e dipendenti a tempo indeterminato mentre aumentano i dipendenti a termine. Nonostante la flessione registrata nell'ultimo mese, nel periodo marzo-maggio si registra una crescita degli occupati rispetto al trimestre precedente (+0,3%, +65 mila), determinata dall'aumento dei dipendenti, sia permanenti sia a termine. L'aumento riguarda entrambe le componenti di genere ed è distribuito tra tutte le classi di età ad eccezione dei 35-49enni. Dopo il forte calo registrato ad aprile, la stima delle persone in cerca di occupazione a maggio cresce dell'1,5% (+44 mila). Come per gli occupati l'aumento interessa i soli uomini ed è distribuito tra tutte le classi di età ad eccezione degli ultracinquantenni.

SOLO GRECIA E SPAGNA PEGGIO DI NOI
Tasso di disoccupazione in maggio. (Fonte: Eurostat)

Nell’area euro disoccupazione stabile al 9,3%
Oggi sono stati pubblicati anche i dati relativi alla zona euro. A maggio nella zona euro il tasso di disoccupazione e' risultato stabile al 9,3% rispetto ad aprile e in calo dal 10,2% rispetto a maggio dell'anno scorso. Si tratta del tasso piu' basso registrato da marzo 2009. Nella Ue 7,8%, stabile rispetto ad aprile e in calo rispetto all'8,7% un anno prima. Anche per la Ue si tratta del tasso piu' basso da dicembre 2008. Lo indica Eurostat. In Italia la disoccupazione e' aumentata all'11,3% da 11,2% a maggio (11,6% un anno prima). Anche in Francia e' aumentata passando da 9,5% ad aprile a 9,6% a maggio (un anno prima era al 10,1%).

Piena occupazione in Repubblica Ceca e Germania
Eurostat stima che nella Ue ci siano 19,115 milioni di disoccupati di cui 15,034 milioni nella zona euro. Rispetto ad aprile il numero dei disoccupati e' calato di 22 mila unita' nella Ue e di 5 mila nella zona euro. Rispetto a maggio 2016 ci sono 2,122 milioni di disoccupati in meno nella Ue e 1,428 milioni nella zona euro.
Tra gli Stati membri tassi di disoccupazione piu' bassi si registrano in Repubblica Ceca (3%), Germania (3, 9%) e Malta (4,1%). Tassi piu' elevati in Grecia (22, 5% a marzo) e Spagna (17,7%).
Rispetto a un anno fa il tasso di disoccupazione a maggio e' calato in tutti gli Stati membri. Cali piu' significativi in Croazia (da 13,4% a 10,7%), Spagna (da 20,2% a 17,7%) e Irlanda (da 8,4% a 6,4%).
A maggio il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti era del 4,3%, in calo rispetto al 4,4% ad aprile e al 4,7% un anno prima.
Nella Ue c'erano 3,763 milioni di giovani (di eta' inferiore a 25 anni) disoccupati, di cui 2,622 milioni nella zona euro. Rispetto a un anno prima sono calati di 584 mila nella Ue e di 401 mila nella zona euro. Il tasso di disoccupazione era del 16,9% nella Ue e del 18,9% nella zona euro rispetto a 19% e 21,3% a maggio 2016. Tasso piu' basso in Germania (6,7%), tassi piu' alti in Grecia (46,6% a marzo), Spagna (38,6%) e Italia (37%).

© Riproduzione riservata