Italia

Gentiloni record, supera Monti per provvedimenti approvati con fiducia

in parlamento

Gentiloni record, supera Monti per provvedimenti approvati con fiducia

Il ministro dei Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro, ha  chiesto la fiducia per il ddl Concorrenza al Senato
Il ministro dei Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro, ha chiesto la fiducia per il ddl Concorrenza al Senato

Oggi la Camera ha votato la fiducia sul decreto Sud. Domani sarà la volta del disegno di legge sulla concorrenza, questa volta al Senato. Con l’avvicinarsi della pausa estiva, il governo Gentiloni accelera e punta a chiudere l’approvazione di alcuni testi chiave. Con il risultato di riuscire a staccare il governo Monti, e risultare l’esecutivo, tra gli ultimi 5, con il rapporto più altro voti di fiducia-testi approvati.

Quasi una legge su due passata con la fiducia
Il decreto Sud è diventato legge. Se andrà in porto anche al Senato il via libera al Ddl concorrenza, saliranno a 19 i voti di fiducia incassati sulle leggi approvate dal governo Gentiloni. Un rapporto voti di fiducia-leggi approvate pari al 48%, che andrebbe a consolidare il primato già raggiunto qualche giorno fa con l’ok incassato dal decreto sulle banche venete (Camera), dal decreto Sud (ma al Senato, per la prima lettura) e da quello sui vaccini (alla Camera). Tre via libera che hanno permesso di superare il governo Monti (45,13%) e di staccare Letta (27,78%), Renzi (26,72%) e Berlusconi (16,42%).

I provvedimenti più sofferti
I voti di fiducia incassati da Gentiloni non sono stati mai sul filo di lana. Al Senato, dove la maggioranza ha numeri più risicati, lo scarto tra “sì” e “no” è stato sotto i 40 voti solo in 3 occasioni: per la manovra correttiva, per il decreto migranti e, appunto, per la prima lettura del decreto Sud. Come pure i voti “ribelli” si sono sempre contati al massimo sulle dita di una mano (mai più di 4).

© Riproduzione riservata