Italia

Calcio: la tessera del tifoso diventa fidelity card,…

pprotocollo figc-viminale-coni

Calcio: la tessera del tifoso diventa fidelity card, l’abbonamento torna libero

Vendita dei biglietti, anche nel giorno della gara, ai tifosi ospiti dei settori non appositamente dedicati, trasformazione della tessera del tifoso in fidelity card e strumento di marketing per le società, biglietteria libera tranne per le gare classificate ad alto rischio dall'Osservatorio per le manifestazioni sportive, stop ai mini-abbonamenti (”voucher”), ritorno di megafoni e tamburi negli stadi e abbonamento libero. Sono queste le principali novità contenute nel protocollo d'intesa sulla partecipazione agli eventi sportivi siglato oggi a Roma tra Figc, Coni e i ministri dell'Interno e dello Sport. L'obiettivo è quello di migliorare l'utilizzo degli stadi di calcio, promuovendo nei prossimi tre anni modalità più snelle e dirette di fruizione degli impianti per favorire l'accesso e la partecipazione alle gare di calcio, anche semplificando le procedure di vendita e acquisto di biglietti e abbonamenti.

Minniti: «investimento di fiducia su coloro che vanno allo stadio»
Soddisfatto della semplificazione in cantiere il titolare del Viminale, Marco Minniti, che parla di «investimento di fiducia su coloro che vanno allo stadio». Ma questo investimento ha “un limite invalicabile che è quello della violenza». Obiettivo primario del protocollo è quello di «togliere la paura dagli stadi», ed aprire gli eventi alla partecipazione dei cittadini, passando dall'abbassamento delle barriere, sul modello anglosassone, «che è stato un successo», ha aggiunto Minniti - «sapendo però che il bene di tutti gli attori deve essere quello di tenere fuori la violenza». «È chiaro - ha concluso - che il punto di conclusione di questo percorso è l'ammodernamento degli stadi: impianti moderni e adeguati sono fondamentali per la sicurezza e per il risultato sportivo».

Lotti: mia mission riportare calcio a dimensione di festa
Dopo la rimozione delle barriere tra i settori dello stadio Olimpico «ora facciamo concretamente un ulteriore passo in avanti per riportare allo stadio le famiglie, le giovani generazioni di appassionati, per sostenere quel senso di inclusione che lo sport favorisce», ha sottolineato il ministro dello Sport, Luca Lotti, soddisfatto per l'intesa raggiunta sulla semplificazione dell'accesso agli eventi sportivi. «Promuovere la socialità, offrire una nuova immagine del calcio e ricondurlo a una dimensione di festa e condivisione - ha spiegato Lotti - sono alcuni dei punti per me fondamentali da perseguire con tenacia durante il mio mandato. Con coraggio e con un fruttuoso gioco di squadra assieme al ministro Minniti, alla Figc e al Coni abbiamo intrapreso un percorso in questo senso».

Uva (Figc): ora società libere di revocare abbonamento a tifosi sgraditi
Per il direttore generale Figc, Michele Uva, una delle novità di rilievo del protocollo riguarda il ticketing, centrato «sull'evoluzione della tessera del tifoso, con l'acquisto libero dei biglietti delle partite non a rischio e l'acquisto libero dell'abbonamento e l'introduzione del meccanismo del gradimento. Soprattutto, la società sarà libera di revocare l'abbonamento ai tifosi ritenuti non graditi». Le misure concordate tra i ministri e i vertici del movimento calcistico e sportivo «sembrano di buonsenso, ora sta alle società essere maggiormente responsabilizzate con professionalità costruite in maniera chirurgica», ha commentato invece il presidente del Coni, Giovanni Malagò, auspicando però il completamento della trasformazione dell'impiantistica sportiva delle società professionistiche: «A questo punto si è chiuso un cerchio, qualche buon esempio ce lo abbiamo avuto ma non possono più restare delle eccezioni».

© Riproduzione riservata