Lifestyle

Moto Gp, in Austria Dovizioso piega Marquez

terzo successo stagionale

Moto Gp, in Austria Dovizioso piega Marquez

Andrea Dovizioso con la Ducati ha vinto il Gp d’Austria, undicesima prova del motomondiale. Secondo e terzo posto per le Honda di Marc Marquez e Dani Pedrosa. Quarto Jorge Lorenzo con la seconda Ducati ufficiale. Quinto Zarco con la Yamaha Tech 3, a precedere le Yamaha ufficiali di Maverick Viñales e Valentino Rossi. Per Dovizioso è il terzo successo stagionale, dopo Mugello e Catalogna. Nella classifica piloti del mondiale Marquez resta in testa con 174 punti, ma Dovizioso accorcia a -16. Seguono Viñales a -24, Rossi a -33 e Pedrosa a -35. Il mondiale poteva chiudersi oggi. Ma non è stato così.

La gara
Al via il più reattivo, e non è la prima volta quest’anno, è stato Jorge Lorenzo, che sfruttando la potenza della sua Ducati si è messo in testa al gruppo davanti a Marquez, scattato dalla pole, e Dovizioso. Bene anche Rossi, balzato quarto dalla settima casella, mentre l’altra Yamaha, quella di Viñales, perdeva terreno nel cercare di superare Valentino. Con loro anche Zarco, Pedrosa e Iannone, con Petrucci che, dopo una partenza complicata, perdeva mano a mano terreno prima di ritirarsi, dopo appena sei giri, per un problema alla moto.

Lorenzo è stato in testa per quasi un terzo della gara, senza tuttavia riuscire mai ad allungare. La situazione si è così fatta incandescente, con Marquez e Dovizioso a tentare insieme l’attacco al maiorchino che faticava a chiudere le curve. A riuscire nel sorpasso per la testa della corsa è stato Marquez, mentre dietro ai tre Rossi veniva infilato da Zarco e da Pedrosa, quest’ultimo in grande recupero. Per Valentino, a quel punto, la gara è diventata complicata: largo in curva e superato dal suo compagno di squadra, il Dottore non è più riuscito a risalire dalla settima poisizone.

Il finale è stato da brividi, probabilmente la vittoria più bella di Dovizioso. Con Marquez è stato un botta e risposta continuo e spettacolare a suon di sorpassi, traversi e staccate, mentre più indietro Pedrosa si conquistava il terzo posto a scapito di Lorenzo. Tra il forlivese e il campione del mondo la battaglia è durata fino all’ultima curva, quando nell’ultimo, disperato e un po’ scomposto tentativo di sorpasso Marquez ha rischiato di entrare sulla carena di Dovizioso. Incrocio di moto pericolosissimo ma completato per fortuna (e abilità dei piloti) senza danni, con quella mano sinistra di Dovizioso staccata dal manubrio verso l’alto, non a rimproverare Marquez, ma a salutarlo, ciao ciao, non mi prendi più, e la destra a spalancare il gas verso la terza vittoria di quest’anno.

Moto2
Un italiano sul gradino più alto del podio anche in Moto2. Il successo è andato infatti a Franco Morbidelli. Il pilota italiano si è aggiudicato la prova centrando la settima vittoria su undici gare. A completare il podio Alex Marquez e Thomas Luthi. Morbidelli è in testa alla classifica mondiale con 26 punti di vantaggio su Luthi. Quarto posto per Francesco Bagnaia, davanti a Mattia Pasini.

Moto3
Joan Mir (Honda) ha vinto invece nella classe moto3 e si conferma leader
indiscusso nella classifica piloti. Per lo spagnolo si tratta della settima vittoria della stagione. Mir sul traguardo ha preceduto il tedesco Philipp Oettl e Jorge Martin. Giornata no per gli italiani: miglior piazzamento il sesto posto di Fabio Di Giannantonio, 13/o Romano Fenati. Andrea Migno, scivolato a sei giri dal termine ha chiuso al 21/o posto.

LE CLASSIFICHE PILOTI
MotoGp
1) Marc Marquez 174 punti
2) Andrea Dovizioso 158
3) Maverick Vinales 150
4) Valentino Rossi 141
5) Dani Pedrosa 139
6) Johann Zarco 99
7) Jorge Lorenzo 79
Moto2
1) Franco Morbidelli 207 punti
2) Thomas Luthi 181
3) Alex Marquez 153
4) Miguel Oliveira 133
5) Francesco Bagnaia 100
6) Mattia Pasini 84
Moto3
1) Joan Mir 215 punti
2) Romano Fenati 151
3) Aron Canet 137
4) Jorge Martina 105
5) Fabio Di Giannantonio 95
6) John McPhee 93
7) Marcos Ramirez 92

© Riproduzione riservata