Italia

In vacanza con Flixbus: passeggeri italiani a +70% sul 2016

bus low cost

In vacanza con Flixbus: passeggeri italiani a +70% sul 2016

Viaggiare con FlixBus piace agli italiani. Comodi, “risparmiosi”, con ottime connessioni wi-fi, i pullman verde acido della start up tedesca della mobilità stanno conquistando i nostri connazionali, sempre più convinti a preferire questo mezzo alternativo alla macchina e al treno. Anche per le vacanze, come dimostrano i numeri: questa estate, in base ai viaggi effettivi nei mesi di giugno e luglio e alle proiezioni su agosto, gli italiani che hanno raggiunto le località di villeggiatura con i loro autobus sono stati il 70% in più rispetto allo stesso periodo del 2016. Un successo, per una impresa che negli ultimi mesi è stata ad un passo dall’essere messa fuori gioco dal Parlamento, a lungo incerto se vietare l'accesso al mercato italiano ai soggetti che non detengono mezzi propri.

Prenotazioni a +30% nel resto d’Europa
Un trend positivo - fanno sapere dalla sede italiana, operativa dal 2015 - confermato anche nel resto dei Paesi europei dove in media l'incremento delle prenotazioni durante il periodo estivo si è attestato al 30 per cento. Per l'estate 2017 le mete più ambite di chi sceglie di muoversi con Flixbus risultano Venezia e Lecce, le due città che hanno registrato il maggior incremento di viaggiatori. A seguire Bari, Napoli e Roma. Tra le destinazioni estere, invece, le più gettonate dei mesi estivi sono state Parigi e Francoforte, seguite da Monaco di Baviera, Nizza e Zagabria.

Destinazione aereporti
In crescita anche il numero di chi utilizza il bus per recarsi in aeroporto. La rete FlixBus, che in Italia conta 170 destinazioni, raggiunge infatti anche gli aeroporti di Malpensa, Orio al Serio, Venezia e Fiumicino. A scegliere Flixibus - un misto tra una piattaforma di e-commerce e una impressa di trasporti tradizionale il cui pezzo forte sono una rete di collegamenti intercity con mezzi di imprese terze - sono soprattutto i giovani, dal momento che tutti i suoi biglietti sono low cost, ma anche i meno giovani la stanno scoprendo.

© Riproduzione riservata