Italia

Sviluppi caso Regeni, informativa del governo il 4 settembre.…

dopo le rivelazioni del nyt

Sviluppi caso Regeni, informativa del governo il 4 settembre. Boldrini: «Si anticipi»

Per conoscere la posizione di palazzo Chigi sugli ultimi sviluppi del caso Regeni bisognerà aspettare settembre. Dopo le ultime rivelazioni del New York Times, secondo cui l'amministrazione Obama avrebbe informato il Governo Renzi sulle responsabilità egiziane per l'assassinio del ricercatore, il Governo svolgerà un'informativa sulla vicenda solo tra una ventina di giorni, il 4 settembre, davanti alle commissioni Esteri di Camera e Senato. Tema dell'audizione, spiega una nota congiunta dei presidenti Pier Ferdinando Casini e Fabrizio Cicchitto per «i rapporti tra l'Italia e l'Egitto» e «un confronto tra le forze politiche sull'evoluzione delle relazioni tra i due Paesi dall'assassinio di Giulio Regeni e fino decisione relativa all'invio al Cairo dell'ambasciatore Giampaolo Cantini».

Boldrini: anticipare informativa del Governo
Tempi lunghi che non piacciono alla presidente della Camera, Laura Boldrini, che in comunicato sollecita il Parlamento a «tenere alta l'attenzione sulla tragica fine di Giulio Regeni», e spiega di aver chiesto al presidente Cicchitto di fissare «quanto prima» l'informativa del Governo «richiesta da diversi gruppi». «Non solo la sua famiglia – prosegue la presidente della Camera - ma un Paese intero ha il diritto di sapere che la ricerca della verità sull'uccisione di un giovane cittadino italiano rimarrà imperativo fondamentale per le nostre istituzioni e non sarà piegata a nessun'altra ragione».

Pressing M5S: Governo riferisca subito
In pressing sul Governo anche il pentastellato Alessandro Di Battista che intervistato da Radio Radicale chiede che Gentiloni riferisca «domani mattina e non il 4 settembre». Poi arriva ad accusare di collaborazionismo con «i traditori della patria» sia Boldrini che il presidente del Senato Pietro Grasso, a meno che non procedano a una immediata convocazione delle Camere per calendarizzare a stretto giro un'informativa urgente del premier. Gentiloni, spiega Di Battista, «ha il dovere di fornire ogni spiegazione sul caso Regeni e di chiarire punto per punto dove, secondo lui, il New York Times sta mentendo». Gentiloni e Renzi, conclude il deputato M5S, «hanno il dovere di dirci se le informazioni ricevute dall'ex amministrazione Usa le notificarono alla Procura di Roma che sta indagando. Non è un dettaglio da poco».

© Riproduzione riservata