Italia

Obbligo scolastico fino a 18 anni solo in quattro paesi Ue

il confronto con l'europa

Obbligo scolastico fino a 18 anni solo in quattro paesi Ue

Belgio, Portogallo, Paesi Bassi e Germania (ma solo in alcuni lander). Sono questi i soli paesi europei dove l'obbligo scolastico arriva fino a 18 anni, mentre nella stragrande maggioranza dell'Unione l'età di uscita dagli studi è fissata a 16 anni, come in Italia. La proposta di innalzamento dell'obbligo avanzata dalla ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli farebbe dunque uscire l'Italia dal gruppo più ampio di paesi con una durata "standard" dell'istruzione obbligatoria. Un aumento, quello voluto dalla titolare del Miur, collegato con la sperimentazione del diploma in quattro anni prevista dal recente decreto del ministero che, a partire dall'anno scolastico 2018/2019, coinvolgerà 100 classi dei licei e degli istituti tecnici.

La mappa dell'obbligo in Ue
Secondo l'ultimo rapporto sui sistemi educativi europei pubblicato dalla rete Eurydice, nella maggioranza degli stati Ue (Italia compresa) l'istruzione obbligatoria dura 9-10 anni e si conclude all'età di 15-16 anni. Si sta sui banchi fino a 18 anni solamente in Belgio, Paesi Bassi, Portogallo e in Germania: in quest'ultima, in particolare, l'obbligo si ferma a 18 anni in 12 lander, mentre in altri 5 arriva fino a 19 anni. Lo stesso avviene nella ex Repubblica jugoslava di Macedonia, dove si va a scuola obbligatoriamente fino a 18-19 anni.

C'è da sottolineare, spiega il rapporto Eurydice, che in questi paesi fra i 15-16 e i 18-19 anni gli studenti hanno la possibilità di frequentare percorsi in alternanza, che combinano corsi scolastici a tempo parziale con corsi part-time nei luoghi di lavoro. In Austria, Polonia e in Inghilterra, dopo la conclusione ufficiale degli studi a 16 anni, gli studenti devono restare comunque nei percorsi di istruzione o formazione fino al compimento dei 18 anni di età, anche se - sottolinea il rapporto - la frequenza a tempo pieno non è obbligatoria. I ragazzi possono infatti adempiere l'obbligo scegliendo corsi formativi full time o part time oppure percorsi di apprendimento basato sul lavoro.

LA MAPPA DELL'ISTRUZIONE OBBLIGATORIA IN UE (2016-2017)

Diploma in 4 anni, sperimentazione in 100 classi
Intanto, dall'anno scolastico 2018/2019 partirà la sperimentazione per "accorciare" la durata degli studi superiori a 4 anni, alla quale potranno partecipare sia le scuole statali che quelle paritarie. L'avviso sarà pubblicato dal ministero entro la fine di agosto e gli istituti potranno aderire dal 1° al 30 settembre. Saranno stabiliti criteri comuni per la presentazione dei progetti, per «rendere maggiormente valutabile l'efficacia della sperimentazione», spiega il Miur in una nota. Si potrà attivare una sola classe per scuola partecipante e un'apposita Commissione tecnica valuterà le domande pervenute.

© Riproduzione riservata