Italia

Raggi: rinnovamento totale dell’Atac grazie al concordato preventivo

  • Abbonati
  • Accedi
LA MUNICIPALIZZATA ROMANA

Raggi: rinnovamento totale dell’Atac grazie al concordato preventivo

La decisione dell’Atac di puntare sul concordato preventivo è la strada verso il rinnovamento totale della municipalizzata capitolina dei trasporti. A sottolinearlo è la sindaca di Roma Virginia Raggi, sul sito del comune. Intanto l’Atac in una nota sottolinea che la stesura del piano previsto dalla procedura di concordato «sarà avviata nei prossimi giorni coerentemente con le tempistiche previste». L’azienda precisa anche che la notizia delle presunte dimissioni del direttore finanziario Maria Grazia Russo, «è destituita di ogni fondamento». La municipalizzata dei trasporti di Roma è gravata da 1,35 miliardi di debiti.

Raggi: avanti con la campagna contro chi non paga il biglietto
Sul sito del comune la sindaca Virginia Raggi conferma di voler andare avanti con la campagna contro chi utilizza i mezzi pubblici ma non timbra acquista né timabra il biglietto. Sul sito del comune Raggi parla «di squadre di verificatori che concentreranno la loro attività di controllo sulle tratte del servizio di superficie bus e tram, sia centrali che periferiche. Oltre 60 i controllori coinvolti nell’iniziativa, in squadre composte, da tre a cinque elementi».

La sindaca: parte percorso di rinnovamento totale dell’azienda
Raggi spiega la decisione di puntare sul concordato preventivo, un accordo con i creditori sotto l’egida del tribunale. «Si avvia un percorso di rinnovamento totale dell’azienda di trasporti di Roma», si legge nella nota pubblicata sul sito del comune. «Iniziamo un percorso che si chiama “concordato preventivo” - continua Raggi - e che stiamo studiando dallo scorso anno: chiediamo ai creditori dell’azienda di realizzare insieme un piano di risanamento e rilancio. È un cammino che richiede coraggio, determinazione e una visione di lungo periodo. Chiediamo ai dipendenti e ai cittadini di seguirci in questo percorso di rinascita e aiutarci a rilanciare la azienda di tutti noi».

© Riproduzione riservata