Lifestyle

Rolex Cup, lo spettacolo dei maxi yacht a Porto Cervo

vela in Costa Smeralda

Rolex Cup, lo spettacolo dei maxi yacht a Porto Cervo

Ribelle
Ribelle

I maxi yacht hanno dato spettacolo a Porto Cervo per le regate della consueta serie Maxi Yacht Rolex Cup, che si organizza ogni due anni, pi il campionato mondiale dei Minimaxi 72, una delle classi pi tecniche della vela d'altura. In regata i marinai pi importanti del momento, anche dove i maxi sono in realt delle veloci e grandi barche da crociera, preziose per valore e design.

Titolatissimi come Brad Butterworth, skipper di Alinghi, Dean Barker gi skipper di New Zealand, Matteo Plazzi vincitore della Coppa nel 2010 con Oracle, Jochen Schumann pi volte medaglia olimpica erano a bordo in gran parte come tattici. La regola infatti impone che a timonare sia l'armatore, cosa che non sempre si sposa con i risultati.

Qualcuno la prende sul serio e si allena assieme all'equipaggio dove non mancano professionisti per esperienza e stazza (le vele da spostare pesano moltissimo). Altri arrivano con l'aereo privato salgono a bordo e poi scappano nuovamente verso consigli di amministrazione e cene di gala. In tutto hanno partecipato cinquantuno barche, divise in sette categorie.

I vincitori: nei Mini maxi RC2, H2O di Riccardo De Michele, davanti a Shirlaf di Giuseppe Puttini e a Lunz Am Meer di Marietta Grafin Strasoldo. Nei mini maxi RC1 ha vinto Supernikka di Roberto Lacorte, con lui navigava il tattico Tommaso Chieffi, ha battuto Wallyno e Whope. Nei maxi Higland Fling di lord Irvine Laidlaw davanti a Nefertiti di Juan Ball e Rambler di George David. Nei Super Maxi vittoria del nuovissimo Ribelle, voluto dall'avvocato Salvatore Trifir e molto particolare: gli interni sono disegnati dall'arredatore Rem Tessier e utilizzano in gran parte rame a vista. Nella numerosa classe Wally vittoria del trenta metri Galateia, un nome storico per una barca rapidissima che ha battuto Nahita e Lyra. Nella classe minimaxi vittoria di Jethou di sir Peter Odgen. Il campione del mondo Maxi 72 Momo che ha battuto Proteus e Bella Mente, la classe molto combattuta e se per la Coppa America verr scelto un monoscafo (la decisione dovrebbe essere resa pubblica entro settembre) diventeranno probabilmente uno strumento di allenamento per gli equipaggi.

Le regate sono organizzate dallo Yacht Club Costa Smeralda, che festeggia il suo 50 esimo compleanno. Dalla settimana prossima un evento che un po' l'altra faccia della luna: non barche da cento piedi (trenta metri) ma piccoli J70, sette metri in tutto e quattro persone di equipaggio. Gli iscritti sono 174, un numero record per una regata di alto contenuto tecnico. Anche qui timonieri armatori, ma non mancano i velisti blasonati. Molti di quelli che erano sui maxi si sono fermati per salire sui J.

© Riproduzione riservata