Italia

Ius soli, fuori dal calendario del Senato per settembre

conferenza dei Capigruppo

Ius soli, fuori dal calendario del Senato per settembre

L’aula del Senato ha respinto la proposta di modifica del calendario definito dalla conferenza dei capigruppo dopo che Mdp e Sinistra italiana avevano chiesto di reinserire il ddl sullo ius soli, rinviato dalla capigruppo, nel calendario di lavori fino al 28 settembre. L’Aula ha anche respinto la richiesta di sospendere la discussione del ddl parchi. Il provvedimento sullo ius soli rimane dunque fuori dall’agenda di settembre dei lavori del Senato. Lascia aperto uno spiraglio Pietro Grasso. Il presidente del Senato spiega che il calendario dei lavori d’Aula del Senato potrà essere integrato con la discussione della nota di aggiornamento al Def 2017.

Mancando i presupposti politici, come del resto era nelle previsioni della vigilia, il tema, sensibile per la tenuta stessa della maggioranza, ha imposto una linea prudenziale in attesa di sviluppi. Preme oramai alle porte il capitolo economico, a partire dall’imminente votazione di fine mese sulla Nota di aggiornamento del Def. Meglio dunque non agitare troppo le acque sul lato degli alleati centristi di Alternativa popolare.

Zanda: è priorità, ma ora maggioranza non c'è
L’approvazione della ddl sullo ius soli è e «rimane un obiettivo prioritario ed essenziale del Pd». Ma le leggi «hanno bisogno di una maggioranza e in questi momento non c’è». Il capogruppo dei senatori dem Luigi Zanda tira le fila al termine della riunione. «I gruppi che hanno votato il provvedimento alla Camera mostrano di non volerlo votare in Senato». Zanda sottolinea anche che si sta lavorando per arrivare a una soluzione positiva nei prossimi giorni. «Noi vogliamo approvare questa legge e per farlo è necessario il dibattito ma soprattutto servono i voti» e «non va bene portarlo in Aula e poi non farlo approvare».

La ministra Finocchiaro: massima attenzione da parte del Governo
A sottolineare che per il Governo il capitolo non è ancora chiuso è la ministra per i Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro. «L’introduzione dello ius soli temperato e dello ius culturae - afferma - rappresenta un tassello per noi essenziale nel quadro delle politiche che questo Governo sta conducendo sui temi dell’immigrazione e dell’integrazione dei cittadini stranieri. Confermare l’approdo in Aula a settembre della legge sulla cittadinanza - continua la ministra - avrebbe potuto segnare negativamente le sorti di un provvedimento così importante, sul quale l’attenzione del Governo resta massima. Sarà importante lavorare nelle prossime settimane affinché si riesca non solo a calendarizzarlo alla prima occasione utile, ma si creino per allora le condizioni politiche per arrivare alla sua approvazione».

Lupi (Ap): il premier ha ascoltato la nostra richiesta
Per Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare, alla fine ha vinto il buon senso. «Sullo Ius soli, dimostrando grande senso di responsabilità, il presidente del Consiglio ha ascoltato la nostra richiesta e ha giudicato inopportuna la richiesta di un voto di fiducia su una questione così delicata e divisiva e non certamente prioritaria rispetto ad altre decisioni urgenti per il Paese, le famiglie, le imprese. Di questo - continua Lupi - si è finalmente convinto anche il Pd, che non l’ha fatto mettere all'ordine del giorno dei lavori al Senato. Non è la vittoria di nessuno, ma del buon senso, della responsabilità del governare e del realismo».

Speranza (Mdp): nuovo rinvio è resa culturale e cedimento alla destra
A criticare la scelta è, da sinistra, Articolo 1 - Mdp. Il coordinatore nazionale Roberto Speranza commenta su twitter: «Nuovo rinvio su #IusSoli. Si nega la cittadinanza a 800.000 ragazzi italiani. È una resa culturale inaccettabile e un cedimento alla destra».

Salvini (Lega Nord): stop alla legge vittoria del buon senso
La Lega Nord plaude alla scelta. «Niente legge sullo Ius soli in
Senato a settembre, una vittoria della Lega e del buon senso - afferma il segretario Matteo Salvini -. La nostra battaglia va avanti, grazie Amici! La cittadinanza non si regala». Il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli osserva: «Per fortuna lo ius soli per ora è sparito dal radar dell’agenda parlamentare, anche se il Pd dice che verrà esaminato quando ci sarà una maggioranza in grado di poterlo approvare e questo significa che non lo si affronterà mai, perché non solo sullo ius soli non c’è una maggioranza nel Paese, perché la stragrande maggioranza di cittadini è contraria, ma non c’è neppure una maggioranza in un Parlamento di transfughi».

© Riproduzione riservata