Lifestyle

F1, Hamilton: "La Mercedes non pensa a cosa fanno gli altri"

Sport

F1, Hamilton: "La Mercedes non pensa a cosa fanno gli altri"

  • –a cura di Datasport

Dopo la straordinaria affermazione a Monza in casa Ferrari, Lewis Hamilton va a caccia di un’altra vittoria anche a Singapore, quattordicesimo Gran Premio stagionale, per blindare la prima posizione in classifica. "Credo che Ferrari e Red Bull possano essere veloci ma non penso a quello che faranno gli altri - spiega il pilota della Mercedes in conferenza stampa -. La chiave del successo è capire come settare la macchina in vista della gara".   Lewis Hamilton non teme la Red Bull e la Ferrari nemmeno a Singapore. Il britannico, leader della classifica iridata, resta concentrato solo sua Mercedes: "Su questa pista è molto difficile sorpassare, per questo motivo sarà molto importante la qualifica - spiega nel corso della tradizionale conferenza stampa piloti del giovedì -. Per quanto riguarda la gara credo che Red Bull e Ferrari possano essere molto veloci ma, onestamente, non penso molto a quello che faranno gli altri. Non parto di certo già battuto. La chiave del successo sarà quella di capire bene la nostra macchina".   Il rinnovo di contratto di Valtteri Bottas non cambia la posizione dell'inglese all'interno del Team: "Onestamente non credo che il suo rinnovo del contratto possa in alcun modo incidere sulla mia stagione. Al massimo questo può rappresentare un vantaggio per lui, che può sentirsi tutelato in vista dell'anno prossimo". Su Fernando Alonso, invece, l'augurio è quello di vederlo nuovamente lottare per il successo: "Io spero che Fernando possa avere presto una macchina che gli consenta di lottare con noi, ne gioverebbe sicuramente lo spettacolo - sottolinea Hamilton -. E' un peccato per come sta andando la stagione della McLaren anche per la storia e la tradizione di questa scuderia". Una chiusa finale sulla sua decisione di lasciare proprio la McLaren per approdare in Mercedes: "La Formula 1 è come una partita a scacchi: devi sperare di prendere la decisione giusta e io l'ho fatto".