Italia

Lavoro, Boeri: serve salario minimo legale per tutti

il presidente dell’inps

Lavoro, Boeri: serve salario minimo legale per tutti

  • – di Redazione online

L'attuale sistema contrattuale su due livelli «non funziona» e andrebbe sostituito con un «salario minimo orario legale che valga per tutti». Così il presidente dell'Inps Tito Boeri per il quale «è paradossale che questo tema sia stato depennato». Naturalmente ciò non impedisce di fissare «un livello più alto» dei salari «con la contrattazione» ove la produttività è più alta.

Italia record del “mismatching”
Secondo Boeri la riforma del sistema contrattuale è ancora più importante oggi dopo la riforma del regime della protezione dell'impiego(il Jobs act, ndr) che ha introdotto il contratto a tutele crescenti. «Aumentano le assunzioni - spiega nel corso di un convegno all'Arel per la presentazione del volume “Salari, produttività disuguaglianze” - ma aumentano anche le separazioni. È ancora più importante la riforma dei contratti perché spinge il lavoro nelle aree dove ci sono prospettive». Boeri ha ricordato un dato dell'Ocse secondo il quale l'Italia ha il record del “mismatching” (l'abbinamento sbagliato tra lavoratori e posti di lavoro) tra i Paesi più sviluppati. L'introduzione del salario minimo legale permetterebbe di tutelare i minimi salariali e di far crescere le retribuzioni lì dove la produttività è più alta. «Se l'occupazione è così bassa è colpa anche di assetti contrattuali sbagliati. Il nostro sistema a due livelli non funziona. Non basta ridurre il numero dei contratti nazionali - conclude Boeri - il salario minimo deve valere per tutti, non solo per chi non è tutelato dai contratti».

Peso dei sindacati sovrastimato
«Penso che il peso dei sindacati sia sovrastimato», dice ancora il presidente dell’Inps mostrandosi convinto della necessità di rendere pubblici i dati sulle trattenute sindacali. «Credo che debbano essere resi pubblici i dati in termini aggregati. C'è uno squilibrio tra settore pubblico e privati e tra lavoratori attivi e pensionati».

© Riproduzione riservata