Lifestyle

Tutto pronto per l’Ironman di Cervia

triathlon

Tutto pronto per l’Ironman di Cervia

Duemila e cinquecento iscritti. Tutti sold out. Mesi prima dell'evento che ormai è alle porte. Con il 70% dei partecipanti che arriva dall'estero e solo il 30% dall'Italia. Sono i numeri del primo Ironman italiano dell'omonima società della M con il pallino, che si svolgerà sabato 23 settembre, a Cervia, sulla riviera romagnola. Saranno dunque 2.500 atleti ai nastri di partenza per affrontare la prova di triathlon più dura di tutte: i 3,8 km di nuoto, 180 km di bici e 42 di corsa e raggiungere il traguardo entro il tempo massimo di 16 ore per sentirsi dire dallo speaker: “You're an Iromnan, uomini e donne d'acciaio. Tutto è pronto. E l'attesa cresce per un evento che passerà alla storia degli annali della triplice italiana.

I primi a partire subito dopo lo start saranno più di 70 atleti professionisti: 50 uomini e 20 donne provenienti da tutto il mondo si affronteranno per guadagnare la qualificazione all'edizione 2018 della World Championship che si svolgerà a Kona, Hawaii. La rosa di atleti professionisti è ampia e davvero interessante, da coloro che hanno fatto la storia del triathlon internazionale come Timo Bracht ai giovani atleti italiani e stranieri ancora agli esordi della loro carriera nelle competizioni di lunga distanza. Nel 2017 per Timo Bracht si conclude una lunga carriera da atleta professionista. Il campione tedesco, con un palmares invidiabile, non voleva perdere l'occasione di gareggiare nel primo Ironman “made in Italy”. “Non è importante quante gare un atleta abbia fatto, ognuna ha una sua storia e crea un'emozione differente perché tutte le gare sono diverse”, ha raccontato l'atleta tedesco. Per lui questa volta le sensazioni saranno ancora più intense, perché si conclude una grande carriera e si prospettano nuove sfide. Insieme a Timo ci saranno atleti del calibro di Andrea Dreitz, 28 anni dalla Germania con una carriera tutta in ascesa e di ritorno dall'Ironman 70.3 World Championship di Chattanooga. Nella finale di media distanza ha ottenuto un ottimo piazzamento nella rosa dei primi dieci, confrontandosi con atleti del calibro di Javier Gomez, argento olimpico, e Sebastian Kienle, campione del mondo Ironman sulla lunga distanza.

Ovviamente il numero degli atleti italiani pronti a difendere i propri colori in terra di Romagna non è da meno, a partire da Domenico Passuello che ricomincia a gareggiare dopo un periodo davvero difficile ma dopo una vittoria entusiasmante all'Ironman 70.3 Quijin lo scorso agosto. Assieme a lui ci saranno campioni come Ivan Risti, Alberto Casadei e Sebastian Pedraza. Non poteva mancare nemmeno Alessandro Degasperi, che probabilmente farà la frazione swim e quella di bike ma si terrà le cartucce finali per l'appuntamento più importante dell'anno: pronto a volare all'Ironman World Championship a Kona, Hawaii il prossimo 14 ottobre.

Anche sul fronte femminile la rosa di atlete che attraverserà il nastro di partenza è degna di nota. Lucy Gossage, atleta inglese vincitrice per quattro volte dell'Ironman Uk e finalista nel 2016 dell'Ironman World Championship, ha tagliato il traguardo all'Ironman Wales del 10 settembre e sicuramente proverà ad includere nel suo personale palmares un podio nella terra del sole. Le sue avversarie non saranno da meno. Dovrà confrontarsi con atlete del calibro di Camilla Lindholm Borg e Tine Deckers che hanno già gareggiato in terra italiana, conquistando rispettivamente il secondo e il terzo posto all'Ironman 70.3 Italy di Pescara 2017. Saranno presenti anche la bellissima e fortissima Jennifer Fletcher, Martina Kunz, terza all'Ironman Zurich 2017, e l'austriaca Bianca Stuerer che quest'anno ha già conquistato il 4° posto sia all'Ironman Austria cha all'Ironman 70.3 Rapperswil.

A difendere i colori azzurri sarà l'inossidabile campionessa Martina Dogana, che ha preparato a lungo questo appuntamento, alla sua prima gara Ironman del 2017 che, come lei stessa ha affermato, non poteva perdere questo evento trattandosi del primo Full Ironman italiano, e poi Marta Bernardi, campionessa italiana assoluta di triathlon medio conquistato a Lovere in giugno.
Assieme ai pro ci saranno altre 2500 persone provenienti da tutto il mondo. Sarà una giornata di fatica e di festa.

Il percorso di 3,8 km della prima frazione di nuoto inizia dall'ampia e centrale spiaggia di Cervia con un unico giro e un'uscita all'australiana sulla spiaggia dopo i primi 2,5 Km.

La seconda frazione di bici si sviluppa tra le colline romagnole, le strade della Nove Colli, in parte senza le stesse salite. Si sviluppa per due giri di complessivamente 180 km, inizia sul lungomare di Cervia. Raggiunge e attraversa il Parco Naturale delle Saline di Cervia, nel quale è facile osservare esemplari di fenicotteri rosa, usuali ospiti del territorio cervese. E si prosegue quindi verso le località di Forlimpopoli, Meldola, Fratta Terme e Bertinoro lungo quella che viene definita la strada dei vini e dei sapori di Romagna dove nasce il Sangiovese (che magari gusteremo tutti all'arrivo davanti al mare della Romagna la sera). Superata la collina di Bertinoro, si scenderà nuovamente verso Cervia.

Gli ultimi 42 km di corsa si snoderanno per 4 giri da 10 km sul lungomare; il percorso completamente pianeggiante, svela alcuni punti caratteristici delle località turistiche di Cervia e Milano Marittima. Dopo aver raggiunto il porto canale, in direzione Nord, si correrà in un tratto ombreggiato all'interno dalla pineta di “Cervia-Milano Marittima”, meraviglioso polmone verde che offre paesaggi ed angoli incantevoli, ricca di pini mediterranei, querce, pioppi bianchi e robinie. Ma non dovrebbe fare troppo caldo secondo le previsioni che danno comunque bel tempo. Usciti dalla pineta, ci si addentrerà nella liberty Milano Marittima, correndo nelle strade di una delle prime “città-giardino” di inizio secolo. Infine si entrerà nel cuore dell'antica città di Cervia, già nota agli antichi romani e, attraversando la piazza dello storico Magazzino del Sale e le mura medievali, la vista si aprirà sulla suggestiva piazza del Palazzo Comunale per tornare infine sul lungomare e raggiungere il traguardo. «You are an Ironman».

© Riproduzione riservata