Lifestyle

Rugby, doppio exploit italiano nel Pro14

Sport

Rugby, doppio exploit italiano nel Pro14

Dal 2010, quando due superclub italiani hanno esordito nel torneo con le migliori selezioni irlandesi, gallesi e scozzesi, era successo solo due volte che nello stesso turno sia il Benetton Treviso sia le Zebre (o gli Aironi, predecessori del team che ora ha sede a Parma) uscissero vincitori. Il terzo colpo doppio è arrivato ora, al quarto turno del Pro14, che proprio da quest'anno si è “allargato” con l'ingresso di due franchigie sudafricane. E se la squadra veneta può rallegrarsi per la seconda affermazione consecutiva, avendo battuto in casa 16-6 gli Ospreys gallesi dopo essere passata a Edimburgo, per le Zebre la prima gioia stagionale è coincisa addirittura con una vittoria nettissima in terra sudafricana.

Indubbiamente i Southern Kings battuti al Nelson Mandela Bay Stadium di Port Elizabeth stanno affrontando un rodaggio per entrare con la giusta predisposizione in un campionato nuovo. Ma mettere a segno un 43-17 esterno (sei mete, record assoluto per le Zebre, e sei marcatori diversi, a partire da capitano Castello per proseguire con Bellini, Giammarioli, Boni, Bisegni e Jacopo Sarto) non è assolutamente uno scherzo. E forse Van Schalkwyk, appena tornato in patria proprio dalla Zebre, dicendo probabilmente addio a una prosecuzione della carriera con la Nazionale italiana, si sarà chiesto se non conveniva stare dall'altra parte della barricata.

Sei mete a due per i bianconeri di base a Parma, per un match in cui evidentemente le difese hanno prevalso sugli attacchi. Tutto diversa la partita giocata 24 ore prima a Treviso: l'unica meta, praticamente subito dopo il fischio d'avvio, l'ha segnata Minto per il Benetton, e poi ecco un'altra buona prova al cospetto di alcuni assi internazionali (Biggar, Webb, Alun-Win Jones, Tipuric), con la difesa a fare scintille come nel precedente turno in Scozia.

L'importante sarebbe continuare sulla strada delle prestazioni convincenti, ancora prima che dei risultati, mettendo comunque in conto che sulla carta la maggior parte delle partecipanti è più attrezzata delle nostre.

Sponsor portafortuna
Come esordio da sponsor non c'è davvero male. Le Zebre hanno festeggiato la loro vittoria più consistente avendo per la prima volta sulla maglia anche il logo di Laumas Elettronica, un'azienda della provincia di Parma leader in Italia nel settore della pesatura industriale.

Dopo le numerose traversie che hanno portato la franchigia del Nord-Ovest a tornare completamente sotto l'egida federale, un riscontro da parte del territorio di riferimento - che raramente si è mostrato così “sensibile” - può venire interpretato come un buon segnale anche fuori dal campo. Il Ceo di Laumas, Massimo Consonni, ha espresso soddisfazione per avere legato il nome dell'azienda all'”unica realtà professionistica di Parma che ha oggi la possibilità di confrontarsi e competere in ambito internazionale”. Se poi dai confronti verrà fuori una quota di successi migliore rispetto a quella (modesta) del passato, tanto di guadagnato per tutti.

PRO 14 - QUARTA GIORNATA
Risultati
Benetton Treviso-Ospreys (Gal) 16-6; Southern Kings (S.Af.)-Zebre 17-43; Connacht (Irl)-Cardiff Blues (Gal) 15-17; Toyota Cheetahs (S.Af.)-Leinster 38-19; Glasgow Warriors (Sco)-Munster (Irl) 37-10; Ulster (Irl)-Dragons (Gal) 52-25; Scarlets (Gal)-Edinburgh (Sco) 28-8
Classifiche
Girone A: Glasgow Warriors 18 punti; Munster 14; Toyota Cheetahs 10; Connacht 7; Zebre 6; Ospreys e Cardiff Blues 5
Girone B: Ulster 18 punti; Scarlets 16; Leinster 15; Edinburgh 10; Benetton Treviso 9; Dragons 4; Southern Kings 0

© Riproduzione riservata