Motori24

Dossier Volvo punta su suv compatti ed elettrificazione

    Dossier | N. 34 articoliAuto, tutte le novità in arrivo nei prossimi mesi

    Volvo punta su suv compatti ed elettrificazione

    XC40, ecco il nuovo modello che fa sbarcare Volvo nell’ affollato segmento dei suv compatti, dove negli ultimi mesi si sono posizionati quasi tutti i costruttori e dovrà fare i conti con i tedeschi premium di successo come Bmw X1, Audi Q3 e Mercedes Gla. Ha debuttato fuori dal salone di Lungo 4,42 metri ed è il primo modello che si basa sulla nuova piattaforma modulare Cma (Compact Modular Architecture). Sarà disponibile sia con trazione integrale che a due ruote motrici. Le prime motorizzazioni saranno i quattro cilindri 2 litri, un benzina da 247 cv e un diesel da 190 cv, nell’ attesa dell’ arrivo di altri tre propulsori: l’ inedito tre cilindri 1.5 benzina, la versione ibrida e l’ elettrica pura. La produzione inizierà nel mese di novembre presso lo stabilimento Volvo Cars a Ghent, in Belgio. la XC 40 è un altro importante tassello che la casa di Göteborg pone dopo l’ acquisizione nel 2010 da parte della cinese Geely Holding Group. Un investimento di soli 1,8 miliardi di dollari che a distanza di tempo mostra segnali positivi per entrambe le parti: Geely, uno dei quattro maggiori produttori indipendente di automobili cinese sta per raggiungere quota un milione di auto prodotte e venute in Cina (nel 2010 raggiungeva le 300.000 unità) e, dall’ altra parte, la casa svedese, ha un ruolo di primo piano per i sistemi di assistenza alla guida e i motori elettrificati. Ricordiamo che nel 2008 la prima generazione di XC60 ha presentato l’ allora inedito sistema di frenata automatica d’ emergenza che, a distanza di nove anni, è stato perfezionato e presentato sulla nuova XC60 nonché sulla XC40. Si chiama Pilot Assist ed è in grado di gestire sterzo, frenata e accelerazione dell’ auto fino a una velocità di 130 km/h e senza la necessità di avere un altro veicolo che preceda. L’ obiettivo è di azzerare entro il 2020 il numero di vittime e feriti a seguito di un incidente con una Volvo. I dati raccolti fino a questo momento mostrano già segnali positivi in questa direzione; infatti, negli ultimi cinque anni il numero di lamierati richiesti per la sostituzione in seguito a incidenti sono diminuiti del 50%. Per quanto riguarda l’ elettrificazione, Volvo ha annunciato che dal 2019 ogni modello avrà una variante elettrificata, che può essere elettrico puro o plug-in. In particolare sono previste cinque auto full electric tra il 2019 e il 2021, due delle quali realizzate da Polestar, il brand per i modelli ad alte prestazioni di Volvo. L’ obiettivo è di vendere un milione di auto elettrificate in tutto il mondo entro il 2025. Un puzzle che vede già ora i primi pezzi: la nuova XC60 è presentata nella variante T8 Twin Engine Plug-in Hybrid da 407 cv che unisce le prestazioni del motore endotermico 2 litri a quelle del motore elettrico posizionato sull’ asse posteriore e arriverà anche una versione elettrificata della XC40. Alla base di questa strategia c’ è la razionalizzazione della produzione, che nei prossimi anni vedrà la realizzazione dei modelli Volvo su due piattaforme: la Spa (Scalable Platform Architecture) per le serie 90 e 60 e la citata Cmp (Compact Modular Architecture) per la serie 40. Condividere della piattaforma significa anche mettere in comune i propulsori (sia convenzionali sia elettrificati), i sistemi di infotainment e sistemi di sicurezza; strategia evidente tra le sorelle XC90 e XC60. Su quest’ ultima le aspettative sono davvero alte dato che negli ultimi tre anni è stato il suv di medie dimensioni premium più venduto in Europa (Emea) con circa un milione di esemplari, dei quali quasi 40.000 unità solo in Italia. Per il nuovo suv premium sono già arrivati 1.000 preordini ma per il momento Volvo deve fare i conti con un problema di capacità produttiva, sia per la serie 90 che per la serie 60 in quanto lo stabilimento in Cina non lavora ancora a regime e quello in South California sarà operativo a partire dall’ inizio del 2019. La gamma suv, che comprende ora tre proposte, vuole rispondere in modo sempre più personalizzato alle esigenza dei clienti sia in termini di prodotto che i prezzi, partendo da poco più di 40mila euro per raggiungere i 120mila euro.

    © Riproduzione riservata