Italia

Addio ad Aldo Biscardi, l’uomo che ha rivoluzionato il calcio parlato

MORTO A 86 ANNI

Addio ad Aldo Biscardi, l’uomo che ha rivoluzionato il calcio parlato

Aldo Biscardi, scomparso all’età di 86 anni (Ansa)
Aldo Biscardi, scomparso all’età di 86 anni (Ansa)

È morto stamane a Roma Aldo Biscardi, giornalista e conduttore televisivo noto per l'ideazione e la conduzione del programma televisivo «Il Processo del Lunedì». Ne dà notizia la famiglia all'Ansa. Nato a Larino (Campobasso), Biscardi avrebbe compiuto 87 anni tra poco più di un mese. Biscardi era ricoverato da qualche settimana al Policlinico Gemelli, assistito dai figli, Antonella e Maurizio. Da tempo aveva lasciato il video, dove aveva debuttato nel 1979, alla Rai.

Ideata all’inizio degli anni Ottanta per lanciare la neonata Rai 3, la trasmissione condotta da Biscardi per 10 anni - dal 1983 al 1993 - ha segnato una svolta nel modo in cui il calcio è stato raccontato in televisione. La trasmissione andava in onda ogni lunedì successivo ad una giornata del campionato di calcio di serie A. L’idea di Biscardi è stata semplice ma rivoluzionaria: dare spazio al dibattito comune sul calcio anche negli studi televisivi, portare le «chiacchiere da bar» sullo schermo. I toni della trasmissione - spesso accesi - piacevano al pubblico e garantirono un successo crescente al «Processo», con lo studio trasformato ina una sorta aula di tribunale nella quale l’ultima parola spettava sempre al conduttore molisano. Una fomula così azzeccata che è stata poi imitata e riproposta su tutte le altre reti televisive - nazionali e locali - fino a oggi.

“L’idea di Biscardi è stata semplice ma rivoluzionaria: dare spazio al dibattito comune sul calcio anche negli studi televisivi, portare le «chiacchiere da bar» sullo schermo”

 

Dopo qualche anno, grandi successi e molte polemiche, il giornalista nel 1993 lasciò la Rai per passare a Tele+, dove esordì col nuovo programma “Il processo di Biscardi”, che trasferì poi, sempre con la stessa fortunata formula su altre emittenti, da Telemontecarlo a 7 Gold. Nel 2015 Biscardi aveva lasciato la sua 'creatura' - vanta il record di longevita', certificata dal Guinness dei primati, che ne aveva riconosciuto già nel 2013 33 edizioni consecutive con lo stesso conduttore - ai figli, che hanno ereditato il marchio. Biscardi viene a mancare nell'anno dell'esordio nel campionato di serie A della Var, quella «moviola in campo» che lui aveva sempre sostenuto come sistema necessario per aiutare gli arbitri grazie alle tecnologie disponibili.

© Riproduzione riservata