Italia

M5s, corsa a tre per il Lazio: chiusa la votazione, proclamazione…

regionarie pentastellate

M5s, corsa a tre per il Lazio: chiusa la votazione, proclamazione sabato

Roberta Lombardi, candidata M5s alle Regionarie Lazio
Roberta Lombardi, candidata M5s alle Regionarie Lazio

Davide Barillari, Valentina Corrado, Roberta Lombardi. Sono i protagonisti della corsa a tre per la candidatura a governatore della Regione Lazio alle elezioni del 2018. Sulla piattaforma Rousseau si è svolto oggi il secondo turno delle 'regionarie'. Dalle 10 alle 19 i pentastellati hanno potuto esprimere la loro preferenza sui tre candidati. Dei dieci candidati più votati al primo turno, infatti, solo i due consiglieri regionali e la deputata hanno proposto la loro candidatura a presidente della Regione.

I risultati di stasera saranno depositati da un notaio e il vincitore sarà reso noto sabato prossimo, proclamato nel corso di una iniziativa pubblica del Movimento a Marino, all’evento “Condivisione 5 stelle”, alla presenza di Beppe Grillo. Sul palco ci saranno anche Alessandro Di Battista, Paola Taverna, Manlio Di Stefano, Nicola Morra, Enrica Sabatini, e tanti parlamentari laziali.

Per favorita viene data Roberta Lombardi, storica rivale della sindaca di Roma Virginia Raggi. «Siamo l'unica forza politica che ha un contatto con il Paese: da lì veniamo e lì torneremo», ha detto la deputata Lombardi, in piazza a Montecitorio. Agli iscritti aveva lanciato un appello: «Fate sentire la vostra voce e scegliete il vostro candidato! Dopo Roma, c'è un altro sistema da scardinare anche in Regione».

Valentina Corrado, calabrese residente da anni nella pentastellata Pomezia è considerata la candidata più vicina alla sindaca Raggi: «Il candidato governatore - ha detto oggi - avrà l'onore e l'onere di guidare una bellissima squadra e soprattutto il progetto del Movimento per far uscire la nostra Regione dal baratro dove l'hanno lasciata sprofondare i partiti che l'hanno governata fino a oggi». Ha parlato della sua esperienza di governo a Pomezia e ha promesso che non si risparmierò «come fatto in questi anni di opposizione regionale, perché sento tutto il carico e la responsabilità di essere un portavoce dei cittadini».

Toni più forti quelli usati dal terzo candidato, il consigliere regionale Davide Barillari, già candidato governatore nel 2013 e sconfitto dal Pd Nicola Zingaretti: «Hanno il terrore che tra solo sei mesi dopo Roma libereremo anche la Regione dalle grinfie del Pd», ha dichiarato in un videomessaggio elettorale. «Tutti insieme costruiremo il futuro della nostra Regione: cacceremo via ladri, corrotti e mafiosi per sempre e riporteremo lo Stato e la democrazia».

© Riproduzione riservata