Italia

Trasporti, Delrio: «In manovra sgravi fiscali per abbonati a mezzi…

34ma assemblea anci

Trasporti, Delrio: «In manovra sgravi fiscali per abbonati a mezzi pubblici»

(Ansa)
(Ansa)

Sgravi fiscali per chi si abbona ai mezzi pubblici locali. A questo sta pensando il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, deciso a inserire l'agevolazione tra le misure della prossima legge di Bilancio. «Quest'anno torno all'attacco per rendere possibili le agevolazioni fiscali a favore degli abbonati ai trasporti pubblici», ha spiegato parlando a una tavola rotonda alla 34ma Assemblea dell'Anci riunita a Vicenza. E porta l'esempio della sua (numerosissima) famiglia, per la quale pagava «tantissimi soldi» per quattro abbonamenti, «e questo non è giusto, perché le persone che si abbonano fanno bene sia al territorio sia all'ambiente». Con poco più di 70 milioni all'anno - aggiunge facendo una stima dell'operazione - «possiamo dare un sostegno a più di 2 milioni di cittadini».

«Svolta epocale per Tpl, stanziate decine di miliardi di investimenti»
Oltre all'ipotesi sgravi fiscali, nel suo intervento davanti ai delegati dell'Associazione nazionale dei Comuni italiani Delrio è tornato a parlare di investimenti per il trasporto locale. In particolare ha ricordato il finanziamento da 7,7 miliardi di euro già stanziati «per cambiare gli autobus», e rinnovare il parco mezzi «troppo vecchio». Nel conto del ministro rientrano poi altri 2,4 miliardi di euro per il rinnovo delle ferrovie regionali, una priorità che può contare anche sui 4 miliardi di euro messi a disposizione dal bando Fs. Nel complesso, un'operazione di rinnovo del parco mezzi circolanti che vale «7 miliardi di euro per la gomma e 7 per il ferro». Quanto al Piano metropolitane, Delrio ha ricordato che in tutto negli ultimi anni sono stati stanziati 10 miliardi di euro. In particolare, prima «sono stati assegnati 2,2 mld, poi altri 2 mld da Rfi, sono stati messi a disposizione altri 2 mld per aree immediatamente cantierabili, e si è arrivati a una quarta fase: piu' di programmazione con altri 3,5 mld» e così, ha concluso Delrio, «arriviamo a quasi 10 mld per i sistemi metropolitani urbani».

Galletti annuncia "revisione totale" su Ecobonus

Ecobonus, Galletti: nessun ridimensionamento ma estensione e revisione
Delle misure in cantiere per la prossima manovra che sarà presentata entro lunedì dal Governo ha parlato anche il ministro dell'Ambiente, Gianluca Galletti, altro ospite della kermesse Anci. Tra gli sgravi confermati dalla legge di Bilancio ci sarà l'ecobonus, ma completamente revisionato, «pur mantenendo l'impostazione generale, per renderlo piu' compatibile con gli obiettivi ambientali». In vista, ha rassicurato Galletti, non c’è alcun «ridimensionamento» dello sgravio: «Anzi, l'eco bonus sarà esteso anche ad altri tipi di intervento, proprio perché riteniamo che quella agevolazione fiscale abbia funzionato molto bene». Secondo il ministro «l'eco bonus, che ha già qualche anno di vita e ha subito delle trasformazioni, va oggi riconcentrato verso quella che è la sua attitudine, il suo obiettivo principale, cioè quello di ottenere, con degli sconti fiscali, un miglioramento delle prestazioni ambientali».

Tap: «I lavori possono partire»
Galletti ha fatto poi il punto sul Gasdotto Trans-Adriatico (meglio conosciuto con l'acronimo inglese di Tap, Trans-Adriatic Pipeline), i cui lavori «possono certamente partitre». Per il gasdotto che deve arrivare in Puglia «le autorizzazioni sono state tutte date, poi ci sono delle prescrizioni che di volta in volta vengono monitorare dal mio ministero», ha precisato il ministro, spiegando che la procedura autorizzativa è prevista «dalla nuova legge che abbiamo fatto sulla valutazione di impatto ambientale». Quindi, ha concluso Galletti, «per i prossimi anni, man mano che l'opera andrà avanti, ogni volta che la società che fa l'intervento si impatterà in una nostra prescrizione, noi dovremo monitorare che quella prescrizione venga rispettata».

© Riproduzione riservata