Italia

Cabina di regia per rilancio di Roma. Raggi: c’è…

tavolo al mise

Cabina di regia per rilancio di Roma. Raggi: c’è sinergia. Calenda: avvio molto buono

  • – di Redazione online

Rilancio della Capitale in cinque aree: dalla competività, alla mobilità, all’Ict, al turismo fino alla riqualificazione urbana. Sono i macro filoni di interventi individuati dal Tavolo per Roma che si è svolto oggi al Mise, il ministero dello Sviluppo economico, tra il ministro Carlo Calenda, la sindaca di Roma Virginia Raggi, il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, e i sindacati. Dal tavolo, hanno spiegato i sindacati all'uscita dal vertice, è partita una cabina di regia che vedrà uniti il Governo, la Regione, il Comune, i rappresentanti dei lavoratori e delle imprese per tentare di risollevare le sorti economiche della città. La cabina si riunirà di nuovo entro 7-10 giorni e poi una seconda volta entro il 17 novembre.

Calenda: molto buono l’avvio del tavolo
«C’è sinergia, con Calenda e Zingaretti ottimo rapporto» ha detto la sindaca al termine dell’incontro. Il tavolo su Roma «è andato molto bene, abbiamo fatto un’analisi di merito puntuale con tutti. Un bellissimo avvio», ha confermato Calenda. Il ministro ha giudicato in maniera positiva l’incontro anche se , ha ricordato, «avevamo un po’ discusso all’inizio». Durante il vertice si è tenuta una manifestazione di fronte al ministero dei lavoratori Sky, Almaviva ed Eutelia.

Unindustria: rilancio in quattro aree
«Il rilancio della competitività, la mobilità e energia sostenibile, le filiere e distretti ad alto valore aggiunto (dall’aerospazio all'Ict), il turismo e la riqualificazione urbana». Sono queste le cinque macro aree individuate dal Tavolo per il rilancio di Roma, ha detto il presidente di Unindustria Filippo Tortoriello, spiegando che ciascuna area sarà composta da sottoprogetti e che i fondi i campo sono «alcune centinaia di milioni, tra Comune, Regione e Governo».

Le risorse per il rilancio economico di Roma sono già stanziate
Per quanto riguarda le risorse destinate al rilancio economico della capitale, secondo i sindacati (Cgil, Cisl e Uil Roma e Lazio) si tratta di gestire risorse già stanziate: 2,6 miliardi della Regione, 300 milioni del Comune e altre risorse da Cdp e Invitata. Non ci sono risorse aggiuntive. Più nel dettaglio i fondi a disposizione: 600 milioni andranno all’acquisto di 600 autobus elettrici e a metano, 53 milioni alla logistica e distribuzione, fino a 60 milioni alla filiera farmaceutica. Altre risorse saranno destinate all’edilizia pubblica e alle scuole e a sostegno dell’occupazione, in particolare sull’audiovisivo per mantenere Sky a Roma. Manca il tema rifiuti, hanno denunciato i sindacati.

Raggi: c'è sinergia, si vince o si perde insieme
«Su Roma si vince o si perde tutti insieme» ha detto la sindaca Raggi al termine del vertice. E ha aggiunto: « Sgomberiamo il campo: con il ministro (Calenda, ndr) c’è un ottimo rapporto, con il presidente della Regione c’è un ottimo rapporto. Registriamo una sinergia su un metodo di lavoro basato sulla condivisione di un percorso».

Il vertice Calenda-Raggi al Mise (Ansa)

La sindaca: da noi già 300 milioni
Raggi ha spiegato che «il Comune sta già facendo la sua parte, abbiamo già impegnato 300 milioni di euro sullo sviluppo e la competitività della città». «Chiaramente - ha aggiunto - ci sono determinate aree sulle quali l’intervento del Governo e della Regione è fondamentale, abbiamo trovato ampia convergenza. Volevo rassicurare i romani, abbiamo finalmente trovato una bella sinergia che porterà ulteriore sviluppo della città.»

(Al. Tr.)

© Riproduzione riservata