Italia

Boccia: «Piano di legislatura che non depotenzi le riforme »

Giovani imprenditori a capri

Boccia: «Piano di legislatura che non depotenzi le riforme »

Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria
Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria

Se «la manovra tracciata dal Governo non smonta le riforme fatte» per Confindustria «adesso occorre lavorare, nel confronto elettorale che ci sarà su un piano di legislatura di medio termine che non depotenzi le riforme che stanno dando effetti sull'economia reale, ma che vada avanti su un piano di medio termine che aiuti il Paese a crescere». Lo ha detto il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia al tradizionale convegno di autunno dei giovani imprenditori a Capri. Nel dibattito elettorale e verso un nuovo Governo, ha sottolineato il leader degli industriali, «evitiamo di fare politiche che sono belle però poi nessuno ci racconta poi con quali risorse» portarle avanti. Ha chiesto di evitare «di avere un periodo in cui andiamo a buttare alle ortiche tutto quello che abbiamo fatto fino a oggi».

Questione industriale determinante per coniugare sviluppo e occupazione
«La questione industriale in questo Paese - ha sottolineato il presidente Boccia - è determinante per coniugare sviluppo e occupazione». Quello su cui si lavora da un anno «è un percorso», e «per cominciare questo percorso ci sono delle complessità non marginali».

Assise degli industriali prima del voto
Boccia ha annunciato che a gennaio ci sarà «una assise di tutto il sistema confederale, prima delle elezioni, per presentare una agenda politica». E ha confermato che la linea degli industriali è quella di puntare «alla competitività del Paese», con un pressing «per il Paese» e restando «equidistanti dalla politica».

Italia sia centrale fra Europa e Mediterraneo
Il leader di viale dell’Astronomia ha detto che «quello che emerge con chiarezza in Italia ed in Europa è che solo attraverso la crescita si riduce il debito e si contrastano diseguaglianze e povertà». Ha sottolineato che l'idea degli industriali «è molto chiara, ed è quella di una Italia centrale tra Europa e Mediterraneo, una Italia che non sia periferia d'Europa ma un’Italia che coniughi la sua posizione geopolitica in una grande dimensione geoeconomica».

Bono ha vinto la sfida: orgoglio per l’Italia
Ha anche parlato della vicenda Stx-Fincantieri. «Giuseppe Bono ce l'ha fatta, è un orgoglio dell'Italia, di una Italia che compra e che non vende, una Italia che ha accettato le sfide», ha detto il leader di Confindustria, Vincenzo Boccia. L’ad di Fincantieri, Giuseppe Bono, tra gli ospiti del convegno dei giovani imprenditori a Capri, aveva poco prima preso la parola alla kermesse degli under 40. «Bono - ha sottolineato Boccia - ha espresso coraggio e visione, non è arretrato e ha difeso le posizioni e gli interessi» dell'azienda che guida.

Sole 24 Ore: capitali pronti, si attende ok Consob
Poi ha parlato del gruppo editoriale Sole 24Ore, in vista della prevista ricapitalizzazione.

«Abbiamo pronti i capitali per intervenire - ha detto il presidente Boccia dopo aver premesso di voler sgomberare il campo da “confusioni e strumentalizzazioni” - confidiamo che a breve la Consob autorizzi il versamento perché anche il tempo è un fattore di competitività». Dal palco del giovani imprenditori ha sottolineato il rispetto dei ruoli: quello di Confindustria di garantire come azionista «la disponibilità dei mezzi», e quello «del board e del direttore Guido Gentili» di garantire i risultati. Boccia ha anche ringraziato dal palco l'ad Franco Moscetti: «Il loro successo - ha detto - sarà il nostro successo».

Bankitalia, Boccia: autonomia è un valore, non entro nel merito

© Riproduzione riservata