Italia

Zaia: «Al Veneto i nove decimi delle tasse»

LE REAZIONI

Zaia: «Al Veneto i nove decimi delle tasse»

Luca Zaia (Reuters)
Luca Zaia (Reuters)

«Penso che con questa elezione si dimostri che non esiste il partito dell'autonomia, esistono i veneti che si esprimono a favore di questo concetto», ha commentato a caldo il governatore del Veneto Luca Zaia. «Vincono i veneti, il senso civico dei veneti del “paroni a casa nostra” - ha aggiunto - Nell'alveo della Costituzione si possono fare le riforme».

«Noi chiediamo tutte le 23 materie, lo dico subito, e i nove decimi delle tasse». Lo ha detto il presidente del Veneto, parlando del «contratto» che il Veneto presenterà al Governo per chiedere maggiore autonomia, dopo il referendum. «Incontreremo il presidente del Consiglio - ha aggiunto - quando il nostro
progetto sarà pronto». «Domani presenteremo in giunta la delibera per avviare la trattativa con lo Stato. Poi andrà in Consiglio regionale per il passaggio definitivo, e diventerà il nostro contratto che proporremo al Governo». «Io credo che a Roma si rendano conto di quello che sta avvenendo, è una pagina importante», ha concluso.

Le 23 materie sono quelle previste dall’articolo 116 della Costituzione, che attribuisce alle Regioni a statuto ordinario la facoltà di ottenere ulteriori forme di autonomia. Venti di queste materie (come coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario, commercio estero, istruzione, protezione civile, porti e aeroporti, previdenza complementare) sono concorrenti, cioè vengono amministrate in cooperazione tra Stato e Regioni, tre sono invece di competenza esclusiva dello Stato: giudici di pace, norme generali sull’istruzione, tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali.

© Riproduzione riservata