Lifestyle

A San Siro con la Svezia ultima chiamata per gli Azzurri

stasera speciale di radio24

A San Siro con la Svezia ultima chiamata per gli Azzurri

Sessione di allenamento in palestra al centro tecnico di Coverciano (Ansa)
Sessione di allenamento in palestra al centro tecnico di Coverciano (Ansa)

Qualcosa cambierà, perchè l’Italia deve cambiare passo. Chiamata alla rimonta mondiale contro la Svezia, la nazionale di Ventura fa i conti con la necessità di vincere con almeno due gol di scarto per non rimaner fuori da Russia 2018, e il suo ct punta sui gol di Immobile in un assetto ancora tutto da svelare ma con il modulo 3-5-2 favorito per restituire alla squadra lo smalto mancato a Stoccolma. Con due o tre novità: De Rossi a riposo e una chance per Jorginho, Eder o Gabbiadini pronti, l’idea di Florenzi interno di centrocampo.

Su tutte la variabili tattiche in campo in queste ore di attesa, pesa la tendenza del ct a cambiare (4 moduli in 16 partite) e a farlo anche in corsa; e ancor più il fatto che con possibili supplementari e conta dei gol andata/trasferta, la partita potrà necessitare di una rapida sterzata in corso e di un cambio di modulo improvviso come quelli messi in campo nelle prime vittorie. Di qui i tanti esperimenti azzurri in queste ore, alla ricerca di un Italia equilibrata sì, ma soprattutto in grado di un 2-0 netto.

Italia-Svezia, la notte del giudizio

Fuori il vicecapocannoniere Belotti (5 reti con Ventura), gli occhi sono puntati su Immobile (6): nella Lazio segna a raffica, in azzurro eccezion fatta per il prezioso gol a Israele a Modena si è inceppato in questo inizio di stagione e anche le difficoltà mostrate contro la Svezia dicono che il centravanti può essere usato meglio. Ventura lo conosce bene dai tempi della sua esplosione al Torino, dunque penserà che se manca chi lo lancia in profondità è meglio sfruttare le fasce.

Ventura in queste ore ha visto De Rossi stanco, di sicuro non è convinto della sua prestazione di Stoccolma («C'e' chi non ha recuperato, e mai come questa volta non conta chi gioca ma come...», la sua risposta a una domanda sul romanista), il sostituito naturale è il brasiliano del Napoli. Ecco dunque che la bilancia pende verso il 3-5-2: ai lati di Jorginho Parolo e Florenzi, provato interno, anche se la girandola di test - Bernardeschi incluso - lascia tante porte aperte. Comprese quelle della spalla di attacco di Immobile: Eder avanti, Ventura ha voluto vedere anche Gabbiadini.

La partita d'altra parte può imporre di cambiare rotta, sul 4-2-4 usato spesso per risalire la china (e con Insigne di nuovo lanciato nel finale) o addirittura verso un 3-4-3 (la prima volta proprio un anno fa a San Siro, contro la Germania) con un Candreva tra i tre davanti e l'aiuto ai due centrali. Dopo aver lavorato tutto il pomeriggio di ieri a provare alla Pinetina (dove ha fatto visita l'ad Inter Alessandro Antonello), e dopo la cena con la squadra, Tavecchio e Uva, arrivati in ritiro per stringersi all’Italia, Ventura deve oggi tirare le fila dei suoi ragionamenti.

Con un enorme tricolore San Siro si stringerà attorno alla nazionale per spingerla verso il Mondiale. Su ogni seggiolino dello stadio verrà infatti posato un cartoncino colorato, che i 72mila spettatori sventoleranno prima della partita contro la Svezia tingendo le due curve di rosso e verde, e la tribuna di bianco. La speciale coreografia, realizzata dalla Federcalcio e Poste italiane, sponsor degli azzurri, sarà il prologo per scaldare l'atmosfera in una serata in cui la squadra di Ventura ha bisogno anche della spinta del pubblico per ribaltare il risultato dell'andata ed evitare una storica disfatta.

A San Siro l'Italia del calcio non ha mai perso, ma questa volta agli azzurri serve una vittoria con due gol di scarto. E la tensione sarà alta anche in tribuna autorità, dove seguirà ovviamente la partita il presidente federale Carlo Tavecchio, assieme a una lunga lista di personaggi del mondo dello sport e non solo, a partire dal presidente del Coni, Giovanni Malagò, il presidente dell'Assocalciatori, Damiano Tommasi, oltre al presidente del settore tecnico Gianni Rivera, e vari presidenti e allenatori di Serie A.

Italia-Svezia, la sfida decisiva. Speciale Radio24 a partire dalle 20,50
Radio24 segue la sfida di Milano tra Italia e Svezia per l'accesso ai Mondiali di Russia 2018. Dalle 20,50 fino alla conclusione della sfida in diretta su Radio24. Con Carlo Genta, Dario Ricci, Roberta Giordano e i loro ospiti.

© Riproduzione riservata