Italia

Ema, Mattarella: auspico un successo pieno per Milano

inaugurazione campus humanitas

Ema, Mattarella: auspico un successo pieno per Milano

  • –di
Il Presidente della Repubblica Mattarella all'inaugurazione dell'anno accademico 2017/2018 dell'Humanitas University di Milano (Ansa)
Il Presidente della Repubblica Mattarella all'inaugurazione dell'anno accademico 2017/2018 dell'Humanitas University di Milano (Ansa)

«Confidiamo e speriamo che il successo» di Milano nella candidatura a nuova sede dell'Ema «sia pieno». Lo ha dichiarato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo oggi all'inaugurazione del nuovo Campus di Humanitas University, ateneo dedicato alle «life sciences». In ogni caso, ha aggiunto il Capo dello Stato, la candidatura della città a diventare nuova sede dell'Agenzia europea per il farmaco, ha dimostrato «l'impegno comune e convergente per quanto riguarda questo obiettivo». E «questa vicenda, questo fronte, questo impegno - ha proseguito Mattarella - ha manifestato la possibilità di una convergenza, di un impegno costante e comune di Governo, Regione e Comune per raggiungere un obiettivo che consentirebbe a questa città un ulteriore passo avanti nel protagonismo in Europa».

Alla cerimonia di inaugurazione in occasione
dell'apertura dell'anno accademico 2017/2018, hanno partecipato, tra gli altri, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni e il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Presenti per Humanitas University il presidente Gianfelice Rocca e il rettore Marco Montorsi. Mattarella procederà poi il proprio istituzionale a Milano: prima tappa in territorio comunale sarà la visita al Mudec.

Campus tra i più hi-tech d'Europa
Il campus Humanitas, realizzato con un investimento complessivo di circa 100 milioni, è formato attualmente da tre edifici da 25mila metri quadrati per ospitare 1.200 studenti provenienti da 31 paesi del mondo ed è dotato di un Simulation Lab da 2mila metri quadrati tra i più tecnologici e grandi d'Europa. Sarà completato da una residenza universitaria da 8mila metri quadrati con 240 posti letto a disposizione di studenti e ricercatori, la cui apertura è prevista per l'estate 2018. «Lo abbiamo costruito in 18 mesi mossi dalla volontà di dotare i giovani di un luogo che li possa attrarre e far crescere. Siamo riusciti a realizzare uno spazio in cui tutti, studenti, medici, professionisti, possono respirare l'aria del futuro - ha commentato il presidente di Humanitas Rocca - Il Campus è l'ultimo tassello di una visione nata venti anni fa, mossa dall'obiettivo di attrarre capitali privati per offrire un servizio pubblico di qualità».

Insieme a Mattarella, all'inaugurazione del campus ha partecipato anche il ministro dello Sviluppo economico,Carlo Calenda (Ansa)

Mattarella: «Ricerca fondamentale, sostenerla in tutti i modi»
«La ricerca accompagna la nostra vita e continua a modificarne le condizioni, migliorandola: va alla caccia dell'ignoto e stimola nuovi passi in avanti», ha detto il presidente nel suo intervento all'inaugurazione del campus.
«Ci si rende conto di quanto la ricerca abbia cambiato le condizioni di vita - ha aggiunto - e questo basta a capire l'esigenza indifferibile di sostenere in tutti i modi la ricerca, organizzativi e finanziari».

«Superare confini di tempo e spazio»
«Superare i confini di tempo e spazio è il segno del nostro tempo, di quello che dobbiamo fare sempre di più», ha detto ancora Mattarella. Humanitas University, ha aggiunto, «ha superato il confine del rapporto pubblico-privato, indicando una formula di successo. Ha superato l'ostacolo del tempo, organizzando un centro di eccellenza di straordinario valore. Ha superato l'ostacolo dello spazio, con la connotazione internazionale e il collegamento con tanti altri centri nel mondo e la presenza di tanti ricercatori e studenti di varia nazionalità e cultura».

© Riproduzione riservata